Proteggere l’ambiente

tram
Il maggior sfruttamento dei trasporti pubblici comporta una riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. © SECO

Circa 479 milioni di franchi sono destinati alla protezione dell’ambiente. Gli progetti previsti riguardano i seguenti temi: trasporti pubblici, approvvigionamento di acqua potabile, depurazione delle acque reflue, edilizia sostenibile, impiego delle energie rinnovabili, smaltimento dei rifiuti speciali, monitoraggio ambientale, tutela della natura e della biodiversità.

La Svizzera ha un forte interesse a impegnarsi nella protezione dell’ambiente, anche perché l’inquinamento non si ferma ai confini nazionali. Molti progetti riguardano la tutela del clima. Inoltre, per consolidare i risultati raggiunti la Svizzera organizza viaggi di studio, seminari e forum che incentivano lo scambio di sapere tra i partecipanti. Infine, gran parte dei progetti sono di tipo infrastrutturale e non riguardano solo la tutela dell’ambiente, ma puntano anche a ridurre i rischi per la salute, migliorare le condizioni di vita delle persone e incentivare lo sviluppo economico. Alcuni esempi: bonifica delle zone inquinate da amianto (salute), promozione dei trasporti pubblici (qualità della vita), impiego delle energie rinnovabili ed edilizia sostenibile (riduzione dei costi di elettricità e riscaldamento). I progetti permettono dunque di creare nuove prospettive nei Paesi stessi.

Risultati

Documentazione (8)

Oggetto 1 – 8 di 8

  • 1

2018 Rapporto annuale 2018

Informazioni sui risultati raggiunti nell’ambito dei tre programmi nazionali ancora in corso, per esempio per quanto riguarda lo sminamento in Croazia, la promozione delle PMI in Romania o il miglioramento del sistema di trasporto pubblico in Bulgaria grazie ai tram di Basilea. Il rapporto illustra brevemente anche il contesto relativo al secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’UE.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2017

I dieci Paesi che hanno aderito all’Unione europea nel 2004 hanno concluso i progetti svolti nel quadro del contributo all’allargamento. La SECO e la DSC tracciano un bilancio e pubblicano i risultati nel rapporto annuale 2017. I progetti hanno notevolmente contribuito alla riduzione delle disparità sociali ed economiche in Europa. La Svizzera ha potuto apportare le proprie conoscenze specifiche in numerosi progetti.



Czech republic: Small-scale environmental projects

Con un fondo la Svizzera ha finanziato 33 progetti a favore dell’ambiente proposti da vari Comuni e organizzazioni. Ad esempio, la città di Prachatice ha organizzato seminari ed escursioni sui temi della raccolta differenziata dei rifiuti e del compostaggio. Un altro progetto ha reso più vivace il viadotto Negrelli con ristoranti, negozi ed esposizioni.




Infrastructure projects in Poland

Grazie al Programma di cooperazione svizzero-polacco, 44’000 famiglie vivono in case completamente prive di amianto. Con un contributo di 115 milioni di franchi, ha promosso l’utilizzo di energie rinnovabili e dell’efficienza energetica nell’ambito di dieci progetti. Inoltre la Svizzera finanzia diverse misure per il miglioramento dei trasporti pubblici.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2016

Il rapporto mostra i risultati e lo stato dei progetti, tra cui interventi nel campo della formazione professionale duale in Slovacchia e della lotta contro la tratta di esseri umani in Bulgaria e Romania, bonifica di un porto in Lettonia e di un fondo per capitale di rischio in Ungheria. Illustra inoltre le conclusioni dei programmi in Estonia e Slovenia e presenta il nuovo programma per la Croazia.



Il contributo svizzero all'allargamento

La Direzione dello sviluppo e della cooperazione DSC e la Segreteria di Stato dell’economia SECO tracciano un bilancio a medio termine sui primi cinque anni dall’approvazione del contributo all’allargamento a favore dei dieci nuovi membri dell’UE. La fase di attuazione dei progetti continuerà fino al 2017.



Oggetto 1 – 8 di 8

  • 1

Attualità (37)

Oggetto 13 – 24 di 37

Delegazione parlamentare visita progetti in Ungheria

Delegazione con argine mobile di protezione

04.05.2016 – Articolo
Nell’aprile 2016 una delegazione di parlamentari svizzeri ha visitato due progetti del programma di cooperazione tra la Svizzera e l’Ungheria. Le autorità ungheresi hanno mostrato ai loro ospiti come vengono impiegati gli strumenti di misurazione e analisi nonché gli argini mobili di protezione contro le inondazioni cofinanziati dalla Svizzera.


I tram di Basilea per le vie di Sofia

Un vecchio tram a Sofia, capitale della Bulgaria

10.12.2015 – Articolo

La maggior parte dei tram di Sofia, capitale della Bulgaria, risalgono ai tempi dell’Unione sovietica e devono essere sostituiti. Visto che la città di Basilea sta rinnovando la propria flotta, la società di trasporti locale dispone di 28 vetture moderne e in buono stato di cui non ha più bisogno. Il contributo all’allargamento finanzia il trasporto di questi tram in Bulgaria.


Vanno in porto i progetti sull’energia promossi in Slovenia

Simonetta Sommaruga insieme a Janez Fajfar, sindaco di Bled, Alenka Smerkolj, Ministro dello sviluppo e della coesione e Rok Šimenc, direttore di BSC Kranj, in occasione della festa indetta per festeggiare la fine del progetto REAAL.

30.09.2015 – Articolo

Il contributo all’allargamento della Svizzera alla Slovenia ammonta a 22 milioni di franchi. Quasi la metà di questa somma è stata destinata a due progetti incentrati, l’uno, sulla produzione di energie rinnovabili e, l’altro, sull’uso sostenibile dell’energia. Grazie a essi circa 5000 apprendisti e scolari sono ora sensibilizzati a questo tema d’attualità e 41 scuole vengono riscaldate con energie rinnovabili. In presenza della presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga è stata festeggiata, lo scorso 16 settembre 2015, la conclusione di un progetto sull’approvvigionamento energetico ecologico nell’arco alpino sloveno.


Contributo all’allargamento in Slovacchia: finanziamento dell’infrastruttura per le acque di scarico

Un’escavatrice scava un fosso per la posa della rete fognaria.

04.02.2015 – Articolo

Una delle priorità del contributo svizzero all’allargamento in Slovacchia è anche il finanziamento dell’infrastruttura per le acque di scarico. Sono previsti la costruzione e l’ampliamento di sei impianti di depurazione e la realizzazione di 55 chilometri di rete fognaria. Il contributo della Svizzera per questi investimenti, di cui potranno trarre beneficio 10 000 abitanti in nove Comuni, ammonta a 27 milioni di franchi circa.


Contributo all'allargamento per la Bulgaria e la Romania: il periodo d'impegno per progetti si è concluso

Un uomo in piedi davanti a una macchina sta usando un telecomando.

08.12.2014 – Comunicato stampa
Il 7 dicembre si è concluso il periodo d’impegno del contributo all'allargamento per la Bulgaria e la Romania, che hanno aderito all'UE nel 2007. Complessivamente sono stati approvati 13 fondi tematici e 28 progetti per un importo totale di 257 milioni di franchi. L'impegno svizzero è volto a diminuire le disparità economiche e sociali all'interno dell'UE allargata.


Repubblica Ceca: miglioramento della rete tranviaria di Ostrava

Fermata del tram a Ostrava

14.10.2014 – Articolo
Il 26 settembre 2014 è stato inaugurato a Ostrava, terza città della Repubblica Ceca, un progetto finanziato dal contributo svizzero all’allargamento che ha permesso di risanare alcuni tratti della linea tranviaria cittadina. Grazie al sostegno della Svizzera è stato possibile migliorare la qualità del servizio di trasporto pubblico e aumentare la sicurezza per i passeggeri.


Vigilanza ambientale in Estonia per la qualità dell’aria e dell’acqua

Ricercatori con un ecoscandaglio a bordo della nave da ricerca Salme.

30.07.2014 – News locali
Laboratori, stazioni di vigilanza ambientale, apparecchiature moderne, formazioni per il personale: a questo serve il contributo di 8,5 milioni di franchi versato dalla Svizzera all’Estonia. Grazie alle nuove attrezzature gli esperti estoni possono sorvegliare con efficacia la qualità dell’aria e dell’acqua su tutto il territorio. Resoconto dell’ultima visita.


Pompe di calore svizzere per le Alpi Giulie

Centrale termoelettrica e di riscaldamento

06.06.2014 – Articolo

In Slovenia la Svizzera partecipa a due progetti infrastrutturali nel settore energetico, sviluppati nell’ambito del contributo all’allargamento. Questi contribuiscono da un lato alla realizzazione di nuove infrastrutture quali impianti solari, pompe di calore e caldaie a biomassa e dall’altro alla creazione di una piattaforma unica nel suo genere che permetterà alle aziende svizzere di accedere al mercato sloveno e di stringere contatti con imprese locali. Il nostro Paese si impegna inoltre a trasferire conoscenze nel campo dell’efficienza energetica e a promuovere una stretta collaborazione tra i partner svizzeri e sloveni.


190 milioni di franchi per una politica energetica sostenibile

bambino in bicicletta davanti alla scuola di Rakvere

18.03.2014 – Articolo
La Svizzera sostiene una politica energetica sostenibile in sei Paesi partner con circa 190 milioni di franchi, L’Estonia, ad esempio, utilizza il contributo all’allargamento per migliorare l’efficienza energetica di tre asili nido e di una casa per anziani. Il 14 marzo 2014 quattro Comuni estoni hanno presentato i loro progetti edili e nel febbraio 2014 la Svizzera ha approvato un progetto in Romania che si prefigge di istituzionalizzare in tutto il Paese il label «Città dell’energia».


Repubblica ceca: un nuovo tram per Olomouc

La costruzione di una nuova linea del tram a Olomouc aumenta l'affidabilità e quindi anche l'utilizzazione dei trasporti pubblici nella Repubblica ceca.

09.12.2013 – Articolo
Il 29 novembre 2013 nella cittadina ceca di Olomouc è stata inaugurata una nuova tramvia finanziata grazie al contributo svizzero all’allargamento che permetterà di collegare alla città un quartiere periferico di 15 000 abitanti. Su questa nuova tratta lunga 1,4 kilometri verranno effettuate ogni anno circa un milione di corse.



5,8 milioni di franchi per una qualità dell’aria migliore

Riunione annuale sul contributo svizzero all’allargamento in Ungheria

29.04.2013 – Articolo

Durante il convegno annuale sul contributo svizzero all’allargamento, tenutosi in Ungheria il 12 marzo 2013, è stato avviato in presenza dell’ambasciatore svizzero Jean-François Paroz e del segretario di Stato ungherese Zoltán Illés un progetto ambientale volto a perfezionare la misurazione della qualità dell’aria in Ungheria. Entro il 2015 saranno finanziati con circa 5,8 milioni di franchi diversi laboratori regionali nonché due stazioni di monitoraggio mobili. Il Governo ungherese contribuisce al progetto con un altro milione di franchi, il che fa salire il suo budget complessivo a 6,8 milioni.

Oggetto 13 – 24 di 37

Video (8)

Oggetto 1 – 8 di 8

  • 1

Editore DEZA

Il contributo svizzero in breve

Informazioni sul contributo svizzero all’allargamento: breve presentazione con esempi di progetti. © DSC/SECO








Oggetto 1 – 8 di 8

  • 1

Pubblicazioni (7)

Oggetto 1 – 7 di 7

  • 1

2018 Rapporto annuale 2018

Informazioni sui risultati raggiunti nell’ambito dei tre programmi nazionali ancora in corso, per esempio per quanto riguarda lo sminamento in Croazia, la promozione delle PMI in Romania o il miglioramento del sistema di trasporto pubblico in Bulgaria grazie ai tram di Basilea. Il rapporto illustra brevemente anche il contesto relativo al secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’UE.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2017

I dieci Paesi che hanno aderito all’Unione europea nel 2004 hanno concluso i progetti svolti nel quadro del contributo all’allargamento. La SECO e la DSC tracciano un bilancio e pubblicano i risultati nel rapporto annuale 2017. I progetti hanno notevolmente contribuito alla riduzione delle disparità sociali ed economiche in Europa. La Svizzera ha potuto apportare le proprie conoscenze specifiche in numerosi progetti.



Contributo svizzero all’allargamento: rapporto annuale 2016

Il rapporto mostra i risultati e lo stato dei progetti, tra cui interventi nel campo della formazione professionale duale in Slovacchia e della lotta contro la tratta di esseri umani in Bulgaria e Romania, bonifica di un porto in Lettonia e di un fondo per capitale di rischio in Ungheria. Illustra inoltre le conclusioni dei programmi in Estonia e Slovenia e presenta il nuovo programma per la Croazia.





Infrastructure projects in Poland

Grazie al Programma di cooperazione svizzero-polacco, 44’000 famiglie vivono in case completamente prive di amianto. Con un contributo di 115 milioni di franchi, ha promosso l’utilizzo di energie rinnovabili e dell’efficienza energetica nell’ambito di dieci progetti. Inoltre la Svizzera finanzia diverse misure per il miglioramento dei trasporti pubblici.



Il contributo svizzero all'allargamento

La Direzione dello sviluppo e della cooperazione DSC e la Segreteria di Stato dell’economia SECO tracciano un bilancio a medio termine sui primi cinque anni dall’approvazione del contributo all’allargamento a favore dei dieci nuovi membri dell’UE. La fase di attuazione dei progetti continuerà fino al 2017.


Oggetto 1 – 7 di 7

  • 1