Protezione della popolazione civile

La Svizzera si adopera affinché nei conflitti armati si osservino i diritti umani e il diritto internazionale umanitario e si rispettino i diritti dei profughi. Si impegna per garantire aiuto concreto e protezione alla popolazione civile e per fare in modo che possa esercitare i propri diritti. Nel 2009 è stata il primo Paese ad adottare una strategia per la protezione dei civili nei conflitti armati.

Il diritto internazionale umanitario impone dei limiti al modo in cui vengono condotti i conflitti armati. L’obiettivo è proteggere i civili e le persone che non partecipano più ai combattimenti e far sì che possano continuare a esercitare i propri diritti. I diritti umani, il diritto in materia di asilo, il diritto penale internazionale e le varie legislazioni nazionali vanno a completare tale protezione. La Svizzera si impegna a livello multilaterale per il rafforzamento di una protezione efficace della popolazione civile.

In veste di Parte contraente delle Convenzioni di Ginevra, la Svizzera si impegna a favore della protezione dei civili nei conflitti armati. La strategia per la protezione dei civili nei conflitti armati del 2013 comprende tutte le misure previste dalla Svizzera e si fonda sulle seguenti priorità:

  • promozione del rispetto della legislazione in materia
  • rafforzamento delle attività a favore dei civili bisognosi di protezione
  • potenziamento delle missioni internazionali di pace