Discorsi

Discorsi del capo del Dipartimento e di altri rappresentanti del DFAE

Filtra i discorsi per
Seleziona il periodo

Discorsi e dichiarazioni (932)

Oggetto 925 – 932 di 932


La Svizzera parteciperà al vertice di primavera 2016 del FMI e della Banca mondiale a Washington D.C.


Il consigliere federale Ueli Maurer, capo della delegazione svizzera, e Thomas Jordan, presidente della Direzione generale della Banca nazionale svizzera, parteciperanno al vertice primaverile congiunto del Fondo monetario internazionale (FMI) e del Gruppo della Banca mondiale che si terrà a Washington D.C dal 15 al 17 aprile 2016. Prima del vertice la Svizzera parteciperà anche al secondo incontro dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali degli Stati del G20 sotto la presidenza cinese. I temi principali trattati in occasione di questi incontri saranno le prospettive economiche mondiali e la situazione dei mercati finanziari. Al centro delle discussioni in seno al Gruppo della Banca mondiale vi sarà il ruolo svolto dall’istituzione nell’affrontare le nuove sfide globali in materia di sviluppo.



Relazioni con la Russia: lunedì Didier Burkhalter incontra Sergei Lavrov a Mosca


Lunedì prossimo il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Didier Burkhalter si recherà in visita di lavoro a Mosca per una incontrare il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov. Le relazioni bilaterali tra la Svizzera e la Russia figureranno tra i temi del colloquio, che permetterà anche uno scambio di opinioni sulle principali questioni internazionali di attualità.



La Svizzera lancia un piano d’azione di politica estera per prevenire l’estremismo violento


In occasione della conferenza sulla prevenzione dell’estremismo violento organizzata dall’ONU e dalla Svizzera a Ginevra il 7 e l’8 aprile 2016, il consigliere federale Didier Burkhalter, capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), ha presentato il Piano d’azione di politica estera della Svizzera per prevenire l’estremismo violento. Con questo piano d’azione, la Svizzera intende contribuire alla lotta contro il terrorismo mediante la prevenzione, rafforzando la capacità di resistenza degli individui e delle comunità. Il Piano d’azione dell’ONU per la prevenzione dell’estremismo violento, presentato nel dicembre del 2015, è stato sostenuto dai rappresentanti di alto livello degli Stati presenti alla conferenza, che hanno sottolineato il ruolo centrale delle Nazioni Unite in questo ambito. In questo contesto, il ruolo dei giovani come attori di cambiamenti positivi è stato messo in evidenza.









Oggetto 925 – 932 di 932