Dipartimento federale degli affari esteri DFAE

Il Consiglio federale nomina un incaricato speciale per la diplomazia scientifica

Le nuove tecnologie stanno diventando sempre più importanti anche per la politica estera: quali opportunità offre la digitalizzazione e quali ambiti richiedono una regolamentazione? Con la Ginevra internazionale, la Svizzera dispone di una piattaforma di dialogo tra scienza e diplomazia. Allo scopo di rafforzare il ruolo di Ginevra come polo della governance digitale, il Consiglio federale ha nominato per la prima volta un incaricato speciale per la diplomazia scientifica nella persona dell’ambasciatore Alexandre Fasel.

17.02.2021
Ritratto dell’ambasciatore Alexandre Fasel, il nuovo incaricato speciale per la diplomazia scientifica.

Il Consiglio federale ha nominato l’ambasciatore Alexandre Fasel incaricato speciale per la diplomazia scientifica. © DFAE

La digitalizzazione sta diventando sempre più una questione di politica estera, e questo per due motivi. Innanzitutto si tratta di capire come sfruttare le nuove tecnologie, che hanno un grande potenziale e creano nuove opportunità ma sollevano anche nuovi interrogativi a cui la società è chiamata a rispondere. Per esempio, se sia necessario introdurre una nuova regolamentazione per l’uso di queste tecnologie in modo da proteggere la sfera privata, e come si possano limitare i rischi legati alla cybercriminalità.

Capire la scienza

È poi necessario mettere in comunicazione due mondi: quello della scienza e quello della diplomazia. «Bisogna capire la scienza e conoscere la diplomazia per aprire nuove strade», ha detto il consigliere federale Ignazio Cassis in un discorso tenuto all’Università di San Gallo nel maggio del 2019. L’obiettivo è unire i punti di forza di entrambe per sviluppare nuovi approcci ai problemi che le nuove tecnologie fanno sorgere.

L’importanza della digitalizzazione per la politica estera è stata sottolineata di recente anche dal Consiglio federale, che all’inizio di novembre 2020 ha adottato la Strategia di politica estera digitale 2021–2024 dopo che la digitalizzazione era già stata inclusa tra le priorità tematiche della Strategia di politica estera 2020–2023.

Sviluppo della politica estera digitale

L'immagine mostra un modello della Strategia di politica estera digitale del Consiglio federale.
Rafforzare la Ginevra internazionale come centro della governance digitale è uno degli obiettivi della Strategia di politica estera digitale del Consiglio federale. © DFAE

Con la sua Strategia di politica estera digitale la Svizzera dispone ora di un quadro adeguato per difendere i propri interessi e valori al di fuori dello «spazio fisico». Questi interessi e valori, infatti, valgono anche nello spazio digitale. Il nostro Paese si impegna dunque per uno spazio digitale libero, aperto e sicuro, fondandosi sul diritto internazionale e mettendo al centro le persone e i loro bisogni.

In concreto si tratta di rafforzare il profilo della Svizzera nell’ambito della governance digitale, sviluppare la politica estera digitale e sostenere l’affermazione della Ginevra internazionale come centro nevralgico del dibattito in materia di digitalizzazione e tecnologie. La Strategia di politica estera digitale concretizza questi obiettivi – e con la nomina dell’incaricato speciale per la diplomazia scientifica il Consiglio federale fa un passo importante verso l’auspicato rafforzamento del polo ginevrino in questo settore.

Un incaricato speciale per la diplomazia scientifica

L’incaricato speciale avrà il compito di potenziare la diplomazia scientifica e promuovere la digitalizzazione in quanto parti integranti della politica estera svizzera, e soprattutto di sfruttare il potenziale della Ginevra internazionale in questi ambiti. Ginevra è già sede di diverse organizzazioni e aziende che hanno una notevole esperienza nel campo scientifico e delle nuove tecnologie. Il nuovo incaricato speciale per la diplomazia scientifica dovrà consolidare la collaborazione tra i vari attori del mondo scientifico ed economico e i rappresentanti delle istituzioni statali e multilaterali nonché della società civile rafforzando così il ruolo di Ginevra come centro per la governance digitale.

Con l’ambasciatore Alexandre Fasel il Consiglio federale ha nominato primo incaricato speciale per la diplomazia scientifica un esperto affermato della Ginevra internazionale. Tra il 2013 e il 2016 l’ambasciatore Alexandre Fasel è stato capo della Missione permanente della Svizzera presso l’Ufficio delle Nazioni Unite e le altre organizzazioni internazionali a Ginevra.

Inizio pagina