Elencazione in ordine cronologico degli ultimi 12 comunicati stampa del DFAE e di informazioni, prese di posizione, annunci e articoli del Dipartimento.

Tutti i comunicati stampa sono accessibili attraverso il «News Service» della Confederazione.

News Service della Confederazione

Ordina i risultati per
Seleziona il periodo

Tutte (3132)

Oggetto 1 – 12 di 3132

Proseguono i colloqui telefonici con Israele e le autorità palestinesi

02.07.2020 — Comunicato stampa EDA
Dando seguito agli intensi contatti telefonici avviati settimane or sono, nei giorni scorsi la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha condotto nuovi colloqui con il presidente israeliano Reuven Rivlin e il presidente palestinese Mahmud Abbas. Le conversazioni si sono focalizzate in primo luogo sui recenti sviluppi relativi al conflitto mediorientale.


Il Forum mondiale delle Nazioni Unite sui dati non potrà tenersi a Berna nell’ottobre del 2020

01.07.2020 — Comunicato stampa EDA
Nella sua seduta del 1° luglio 2020, il Consiglio federale è stato informato della decisione, presa congiuntamente dal comitato organizzativo e dalle Nazioni Unite, di posticipare il Forum mondiale delle Nazioni Unite sui dati (UNWDF) che avrebbe dovuto tenersi nel mese di ottobre 2020. Il forum è un evento di importanza globale a sostegno dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile. Questa sua terza edizione sarà organizzata a Berna dalla Confederazione Svizzera in collaborazione con le Nazioni Unite.


Produzione di respiratori a basso costo per i Paesi in via di sviluppo: il DFAE sostiene il progetto del Politecnico federale di Zurigo

30.06.2020 — Comunicato stampa EDA
In molti Paesi c’è una grande carenza di respiratori. L’accesso a questi macchinari salvavita costituisce un grave problema per le persone con difficoltà respiratorie dovute anche al coronavirus. Il DFAE si impegna quindi a fini umanitari a favore della produzione di dispositivi semplici ed economici, ed eroga un finanziamento iniziale per un progetto del Politecnico federale di Zurigo (PFZ) finalizzato a produrre respiratori in Ucraina e a renderli disponibili anche ai Paesi emergenti e in via di sviluppo. Il 30 giugno 2020 il consigliere federale Ignazio Cassis ha firmato, insieme all’ambasciatore ucraino in Svizzera Artem Rybchenko, un accordo che disciplina le modalità del finanziamento iniziale.


Conflitto in Siria: la Svizzera sostiene la popolazione bisognosa

30.06.2020 — Comunicato stampa EDA
Nell’ultimo decennio, la guerra in Siria ha provocato una delle crisi umanitarie più gravi dei nostri tempi. A causa degli incessanti combattimenti, è difficile prestare l’aiuto umanitario di cui hanno urgentemente bisogno le persone. In occasione della quarta conferenza sulla Siria organizzata dall’ONU e dall’UE il 30 giugno 2020, la Svizzera ha annunciato che nel 2020 stanzierà 61 milioni CHF per finanziare misure di sostegno a favore della popolazione siriana e nella regione. La comunità internazionale si è impegnata a versare in totale 7.7 miliardi di dollari statunitensi. Inoltre, in qualità di Stato ospite del processo di pace dell'ONU a Ginevra, la Svizzera continua a sostenere attivamente gli sforzi per una soluzione politica del conflitto.


Médiation de la Suisse au Myanmar: les partis politiques signent un code de conduite pour des élections pacifiques (fr)

26.06.2020 — Comunicato stampa EDA
Les partis politiques du Myanmar ont signé, le vendredi 26 juin 2020 en vue des élections législatives prévues en novembre, un code de conduite pour des élections pacifiques et une campagne électorale équitable. La Suisse a servi de médiateur entre les différents partis (ce qu'on appelle aussi « facilitation ») et a ainsi contribué à l’élaboration de la base du code. Parmi les signataires du code figurent la majorité des 97 partis politiques dont la "Ligue nationale pour la démocratie", et des partis ethniques.


75 anni delle Nazioni Unite: la Svizzera offre all’ONU di Ginevra un’opera di Saype e presenta lo slogan per la sua candidatura al Consiglio di sicurezza:«UN PIÙ PER LA PACE»

26.06.2020 — Comunicato stampa EDA
«UN PIÙ PER LA PACE» è lo slogan della candidatura svizzera a un seggio in seno al Consiglio di sicurezza per il periodo 2023-2024. Lo ha annunciato oggi il consigliere federale Ignazio Cassis in occasione del 75° anniversario della firma della Carta delle Nazioni Unite. Per l’occasione, il capo del Dipartimento federale degli affari esteri, accompagnato dalla direttrice generale dell’ONU a Ginevra Tatiana Valovaya, ha presentato un’opera di Land Art realizzata dall’artista Saype nel parco del Palazzo delle Nazioni.


Mobilità ritrovata e cooperazione bilaterale e transfrontaliera al centro della visita del consigliere federale Ignazio Cassis a Ginevra

26.06.2020 — Comunicato stampa EDA
Oggi il consigliere federale Ignazio Cassis ha incontrato il Segretario di Stato presso il Ministro dell’Europa e degli affari esteri francese, Jean-Baptiste Lemoyne, a Ginevra. Ultima tappa del cosiddetto “tour delle frontiere”, dopo il Ticino e Kreuzlingen, l’incontro ha permesso di sottolineare l’efficacia della cooperazione transfrontaliera durante la crisi del coronavirus e di constatare la ripresa della mobilità a cavallo del confine franco-svizzero. Durante il colloquio, sono stati affrontati anche temi di politica europea.


Rapporto annuale sulle attività svizzere di politica migratoria estera

24.06.2020 — Comunicato stampa EDA
Nel 2019 la migrazione irregolare è nuovamente diminuita – la Svizzera ha registrato il numero più basso di domande d’asilo dal 2007. Nel contempo, in Grecia è stato tuttavia registrato un forte aumento degli sbarchi in provenienza dalla Turchia. Alla luce di questa situazione, la Svizzera si è impegnata sia per una riforma del sistema Dublino e una ripartizione equa delle responsabilità europee in riferimento alle persone bisognose di protezione sia per un rafforzamento delle frontiere esterne. Il sostegno ai Paesi di provenienza, di transito e di accoglienza assumerà un’importanza ancora maggiore in seguito alla crisi globale sanitaria ed economica dovuta al coronavirus. È quanto sottolinea il Consiglio federale nel suo rapporto annuale sulla politica migratoria estera, adottato nella riunione del 24 giugno 2020.


Processo di Berlino sulla Libia: la Svizzera copresiede il gruppo sul diritto internazionale umanitario e sui diritti umani

23.06.2020 — Comunicato stampa EDA
La Svizzera svolgerà un ruolo importante nella ricerca di una soluzione pacifica della crisi libica: nell’ambito del cosiddetto «processo di Berlino» copresiederà, insieme ai Paesi Bassi e alle Nazioni Unite, il gruppo di lavoro volto a promuovere il rispetto del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani. Il processo di Berlino è stato avviato nel gennaio del 2020 con l’obiettivo di raggiungere un cessate il fuoco duraturo in Libia. Il nuovo ruolo della Svizzera si inserisce nelle sue attività riguardanti la politica di pace in Libia e mira ad attuare gli obiettivi della strategia di politica estera 2020-2023 in materia di pace e sicurezza.


La Svizzera intensifica il suo sostegno alla lotta contro la COVID-19 nel Vicino e Medio Oriente

23.06.2020 — Comunicato stampa EDA
La situazione nel Vicino e Medio Oriente si sta deteriorando a causa della crisi legata alla COVID-19. La pandemia ha infatti gravi conseguenze sulle popolazioni della regione. Per far fronte ai crescenti bisogni, la Svizzera ha deciso di sbloccare due milioni di franchi da destinare all’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi nel Vicino Oriente.



Avviso di pubblicazione

19.06.2020 — Comunicato stampa EDA
Rapporto 2018-2019 del Consiglio federale sulla partecipazione della Svizzera al Consiglio di Partenariato Euro-Atlantico e al Partenariato per la pace

Oggetto 1 – 12 di 3132

Comunicato stampa (2835)

Notizia (297)