La Svizzera firma un accordo di cooperazione con l’Egitto

Berna, Comunicato stampa, 21.01.2013

La Svizzera e la Repubblica araba d’Egitto hanno firmato il 20 gennaio 2013 al Cairo un accordo volto a facilitare la cooperazione tecnica e finanziaria e l’aiuto umanitario. L’accordo definisce un nuovo quadro legale per rafforzare la cooperazione tra i due Stati in seguito agli avvenimenti legati alla primavera araba. Lo stanziamento previsto dalla Confederazione fino al 2016 per questo programma di cooperazione ammonta a circa 30 milioni di franchi l’anno.

La Segreteria di Stato dell’economia (SECO), la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), la Direzione politica (DP), la Direzione del diritto internazionale pubblico (DDIP) e l’Ufficio federale della migrazione (UFM) realizzeranno programmi e progetti in maniera coerente, coordinata e complementare.

La futura collaborazione con l’Egitto risponde alla volontà della Svizzera di contribuire alla transizione democratica dell’Egitto basata sullo stato di diritto e sul rispetto dei diritti umani. Il contributo si focalizzerà in particolare sui seguenti punti: 1) sostegno allo sviluppo di opportunità economiche eque, volte a promuovere in particolare l’occupazione giovanile, 2) supporto alla crescita di un’industria competitiva, al miglioramento dell’accesso ai mercati internazionali e allo sviluppo dell’infrastruttura di base, 3) rafforzamento della gestione delle finanze pubbliche e del settore finanziario, 4) aiuto alla gestione dei flussi migratori e alla tutela dei soggetti più vulnerabili, 5) sostegno alla creazione di uno stato partecipativo, inclusivo, responsabile e trasparente, tramite la collaborazione alle riforme politiche e sociali.

Il 20 gennaio 2013 l’ambasciatore svizzero Dominik Furgler e il Ministro della pianificazione e cooperazione internazionale egiziano Ashraf El-Sayed El-Arabi hanno firmato al Cairo il accordo sulla cooperazione tecnica e finanziaria e l’aiuto umanitario. Già l’11 marzo 2011 il Consiglio federale aveva annunciato una maggiore cooperazione in Nord Africa in seguito alla primavera araba. L’accordo permetterà di sostenere l’Egitto nel nuovo processo di riforme che lo attende e di consolidare le condizioni quadro per gli scambi economici tra i due Paesi.


Indirizzo per domande:

Dagmar Vogel, SECO, Cooperazione e sviluppo economici, Capo del settore Finanziamento alle infrastrutture, Tel. 031 323 92 28


Editore

Dipartimento federale dell
Dipartimento federale degli affari esteri