Rio+20: coinvolgere l

Berna, Comunicato stampa, 14.06.2012

Dal 15 al 18 giugno, a ridosso della conferenza dell’ONU sulla sostenibilità Rio+20, si riunirà a Rio de Janeiro il Corporate Sustainability Forum (CSF), un incontro che vede come protagoniste le imprese impegnate nel campo della sostenibilità. I risultati del CSF saranno discussi nel corso della conferenza Rio+20. La DSC e la SECO sono partner del Forum. La DSC presiederà una sessione volta a preparare i piccoli contadini ad affrontare le perdite dei raccolti e gli effetti del cambiamento climatico. La SECO, nell’ambito di tre manifestazioni collaterali, promuoverà lo scambio di idee su standard e rendiconti in materia di sostenibilità e sulla produzione orientata a un utilizzo efficiente delle risorse.

Lo «UN Global Compact» organizza dal 15 al 18 giugno a Rio de Janeiro il Corporate Sustainability Forum. Il CSF è la più importante manifestazione del settore privato a margine della conferenza sullo sviluppo sostenibile Rio+20, destinata a coinvolgere l'economia privata nell’agenda della conferenza Rio+20. Con oltre 2500 partecipanti, il Forum riunisce rappresentanti delle imprese, dei governi, delle autorità e della società civile in oltre 100 workshop e riunioni tematiche. Il CSF si pone l’obiettivo di rafforzare la politica di sostenibilità delle imprese, promuovere la cooperazione tra gli enti statali e l’economia privata e fornire contributi alla conferenza Rio+20 che si svolgerà nei giorni successivi.  

Questa strategia è necessaria perché un miliardo di persone non hanno pressoché accesso a cibo sufficiente, acqua pulita o energia. Il cambiamento climatico e la popolazione mondiale in continua crescita acuiscono la situazione. L’economia privata svolge un ruolo decisivo nel superamento di queste sfide e deve quindi essere coinvolta nella soluzione dei problemi. 

La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) è partner del CSF. Al Forum di Rio parteciperà anche la Svizzera con una delegazione guidata dal direttore della DSC Martin Dahinden e composta da esperti di alto livello. Martin Dahinden parteciperà il 16 giugno al panel di inaugurazione del settore sicurezza alimentare e agricoltura, un ambito centrale della cooperazione svizzera allo sviluppo e per il quale la DSC si sta investendo a fondo in seno al CSF. Una riunione tematica organizzata dalla DSC il 17 giugno sarà dedicata alla riduzione dei rischi presentati dalle calamità naturali per gli agricoltori. L’evento sarà focalizzato soprattutto su collaborazioni innovative e promettenti con il settore privato in cui è impegnata la DSC.  

La Segreteria di Stato dell’economia SECO parteciperà al CSF con tre manifestazioni collaterali in occasione delle quali si discuterà dei miglioramenti da apportare ai rendiconti delle imprese sulla sostenibilità nei Paesi in via di sviluppo (16 giugno), della misurazione degli effetti degli standard di sostenibilità (16 giugno) e delle modalità di produzione basata sull’utilizzo efficiente delle risorse nelle imprese (17 giugno). Le imprese private sono importanti motori dello sviluppo in quanto creano posti di lavoro e svolgono una funzione fondamentale per la crescita economica. In molti Paesi il settore privato è in parte responsabile dei problemi indicati in precedenza. Grazie alle sue risorse finanziarie e alla sua forza innovativa esso possiede tuttavia anche il potenziale per contribuire sostanzialmente alla soluzione di queste sfide. Mediante interventi comuni nel campo dell’efficienza delle risorse, dell’energia pulita, dei metodi di coltivazione sostenibili e dei rendiconti di sostenibilità, la SECO promuove uno sviluppo duraturo del settore privato e la sua partecipazione attiva alla lotta contro i problemi sul tappeto.

Ulteriori informazioni

Informazione DFAE
Tel. 031 322 31 53

Informazione SECO
Tel. 031 324 09 10


Informazioni supplementari:

UN Global Compact
Corporate Sustainability Forum
Dossier Rio+20


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri
Dipartimento federale dell