Il Consiglio federale licenzia il testo del mandato per avviare il dialogo con l’UE sul regime fiscale delle imprese

Berna, Comunicato stampa, 01.06.2012

Nella sua seduta odierna il Consiglio federale ha licenziato il testo del mandato per avviare il dialogo con l’UE sul regime fiscale delle imprese. Lo scopo del dialogo è di trovare in ambito di imposizione delle imprese una soluzione accettabile a livello internazionale che possa al contempo rafforzare la piazza imprenditoriale svizzera e mantenere in equilibrio i bilanci di Cantoni e Confederazione. Il testo del mandato è stato approvato oggi dalla Conferenza dei Governi cantonali. Nelle prossime settimane sarà pure sottoposto per consultazione alle competenti Commissioni delle Camere federali.

Secondo l'Unione Europea, alcuni regimi fiscali applicati dai nostri Cantoni sono discriminatori poiché assoggettano in parte gli utili conseguiti da imprese nazionali ed estere in modo diverso. Nel 2010 l'UE ha invitato la Svizzera ad adottare il codice di condotta dell'UE in materia di imposizione delle imprese. Da allora si sono tenuti colloqui esplorativi con l'UE per definire le condizioni di dialogo.

Nel mandato il Consiglio federale stabilisce tre obiettivi, ossia mantenere e sviluppare l'attrattiva fiscale della piazza imprenditoriale svizzera, promuovere l'accettazione internazionale del regime fiscale delle imprese nonché garantire le entrate di Confederazione, Cantoni e Comuni per il finanziamento di attività statali.

Il testo del mandato è stato approvato oggi dalla Conferenza dei Governi cantonali. Nelle prossime settimane sarà pure sottoposto per consultazione alle competenti Commissioni delle Camere federali.


Indirizzo per domande:

Mario Tuor, Comunicazione SFI
+41 (0)31 322 46 16
mario.tuor@sif.admin.ch


Editore

Il Consiglio federale
Dipartimento federale delle finanze
Dipartimento federale dell
Dipartimento federale degli affari esteri