La Svizzera chiede un’inchiesta sul massacro di Hula, Siria

Berna, Comunicato stampa, 27.05.2012

La Svizzera condanna il massacro di Hula in Siria e chiede un’inchiesta internazionale nonché la punizione dei responsabili.

La Svizzera condanna con la massima fermezza il massacro di Hula, costato la vita a quasi 100 persone, tra cui 32 bambini al di sotto dei dieci anni. Chiede un’inchiesta internazionale per accertare i fatti e i responsabili di questo atto abominevole, che potrebbe costituire un crimine di guerra.

La Svizzera s’impegnerà presso l’ONU affinché i responsabili vengano portati davanti alla giustizia. È compito dei membri del Consiglio di sicurezza dell'ONU chiedere immediatamente alla Corte penale internazionale di indagare sui crimini commessi da tutte le parti.

La Svizzera conferma il suo sostegno al piano dell’inviato speciale dell’ONU e della Lega araba Kofi Annan, l’unico ad essere in grado di porre fine alla crisi siriana. Esige che il Governo siriano attui immediatamente tutti gli elementi del piano, tra cui l’accesso delle organizzazioni umanitarie alle vittime civili.


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri