Migliorare le politiche fondiarie per contrastare l

Berna, Comunicato stampa, 11.05.2012

La Commissione sulla Sicurezza Alimentare Mondiale (CFS) ha adottato oggi, a Roma, le Direttive volontarie sui regimi fondiari. La Svizzera, che ha sostenuto attivamente lo sviluppo di tale strumento chiave per la sicurezza alimentare e la gestione sostenibile delle risorse naturali, in particolare nell'ambito dell'accaparramento delle terre, intende continuare ad appoggiarne l'attuazione, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo.

Le "Direttive volontarie per una governance responsabile dei regimi di proprietà applicabili alla terra, alla pesca e alle foreste nel contesto della sicurezza alimentare nazionale" sono il risultato di diversi anni di negoziati, ai quali hanno partecipato attivamente tutte le parti interessate (governi, organizzazioni internazionali, società civile, associazioni contadine e settore privato). Tali Direttive formulano principi il cui scopo è aiutare i governi e altri attori nell'amministrazione dei diritti delle risorse fondiarie, alieutiche e forestali a favore delle popolazioni contadine più vulnerabili e promuovere la sicurezza alimentare e la gestione sostenibile delle risorse naturali (cfr. http://www.fao.org/cfs/cfs-home/cfs-land-tenure/en/).

La Svizzera esprime la propria soddisfazione per l'adozione di tali Direttive volontarie, che esprimono il suo impegno a favore della sicurezza alimentare globale. Il contributo elvetico è il risultato di una stretta collaborazione tra la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DDC), l'Ufficio federale dell'agricoltura e le cerchie interessate, organizzazioni non governative e centri di ricerca compresi. Le Direttive volontarie rappresentano un primo successo per la CFS dopo la sua riforma nel 2009. La CFS, piattaforma internazionale e intergovernativa per la sicurezza alimentare e la nutrizione, è un sistema innovativo all'interno delle Nazioni Unite, che garantisce un'effettiva partecipazione di tutte le parti coinvolte, dalla società civile al settore privato. La Svizzera continuerà ad adoperarsi per potenziare il ruolo della CFS, soprattutto nell'attuazione delle decisioni prese nel quadro della Conferenza delle Nazioni unite sullo sviluppo sostenibile (RIO+20).

Il valore aggiunto delle Direttive sarà valutato in base agli effetti della loro applicazione nei Paesi in via di sviluppo. Nella fase di attuazione il sistema delle Nazioni Unite, oltre che le organizzazioni di produttori e della società civile, avranno un ruolo fondamentale, che la Svizzera intende appoggiare.

L'adozione delle Direttive volontarie pone le basi per la prosecuzione dei lavori della CFS concernenti i Principi per gli investimenti agricoli responsabili.

 

Comunicato stampa FAO: http://www.fao.org/news/story/it/item/142614/icode/

 

 

 

 


Informazioni supplementari:

Comunicato stampa FAO


Indirizzo per domande:

Jacques Chavaz, UFAG, Unità di direzione Mercati e affari internazionali, tel. +41 31 322 25 02

Peter Bieler, DDC, Programma globale sulla sicurezza alimentare, tel. +41 31 325 91 68


Editore

Dipartimento federale dell
Dipartimento federale degli affari esteri