Presa di posizione - La Svizzera condanna il lancio di un missile a lungo raggio da parte della Corea del Nord

Berna, Comunicato stampa, 13.04.2012

La Svizzera condanna il lancio di un missile a lungo raggio effettuato il 13 aprile 2012 dal governo della Repubblica popolare democratica di Corea (RPDC), in violazione delle risoluzioni 1718 e 1874 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

La Svizzera deplora che questo lancio contribuisca ad aumentare la tensione nella regione e si appella a tutte le parti affinché si astengano da qualsiasi azione che possa aggravare ulteriormente la situazione, incoraggiandole a favorire il dialogo e la moderazione.

La Svizzera invita la RPDC a rispettare le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite chiedendo l’immediata sospensione di ogni attività connessa con il suo programma missilistico. Chiede inoltre di rinunciare in modo verificabile e irreversibile a ogni tipo di arma nucleare e a tutti i programmi militari nucleari esistenti e di concludere nuovamente un Accordo sulle garanzie con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA).

La Svizzera condivide la decisione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di convocare una seduta urgente per coordinare la risposta a questo atto che costituisce una minaccia per la pace e la stabilità della regione.


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri