Organizzazione internazionale per le migrazioni: il Consiglio federale raccomanda la ratifica delle modifiche degli statuti

Berna, Comunicato stampa, 14.11.2012

Il Consiglio federale ha approvato il Messaggio concernente gli emendamenti alla Costituzione dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) all'attenzione del Parlamento. Le modifiche degli statuti rafforzano l'OIM nel suo funzionamento.

 L'OIM con sede a Ginevra è un attore importante per quanto riguarda il dialogo internazionale sulla migrazione. Ha istituito partnership con numerosi Governi in tutti i continenti. Su mandato di questi ultimi attua programmi di gestione e controllo della migrazione e di reinserimento e ritorno di rifugiati e migranti. Attualmente 146 Stati sono membri dell'OIM.

Da parecchi anni la Svizzera lavora ai programmi di ritorno insieme all'OIM e coopera di recente anche nell'ambito di partenariati di migrazione. Il Consiglio federale ritiene le attività di base e la rete internazionale dell'OIM molto utili per definire e attuare la politica migratoria svizzera.

Nel novembre del 1998 il Consiglio dell'OIM ha approvato nel corso del suo 76° congresso varie modifiche dei suoi statuti, i cui obiettivi prioritari consistono nel rafforzare l'organizzazione e nel razionalizzare i processi decisionali.

La modifica più importante riguarda la procedura per le future modifiche degli statuti. Finora le modifiche che comportavano nuovi obblighi per i membri entravano in vigore per il membro interessato solo se venivano approvate da quest'ultimo. La nuova procedura prevede che modifiche essenziali degli statuti entrino in vigore per tutti gli Stati membri se sono state approvate da due terzi degli stessi.

La nuova procedura proposta riguardante le modifiche degli statuti equivale alla procedura di parecchie organizzazioni internazionali di cui la Svizzera è membro (per esempio l'Organizzazione mondiale della sanità OMS, il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo PNUS, il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia UNICEF, il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione UNFPA, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura UNESCO).

Come Stato membro dell'OIM e che ne ospita la sede, la Svizzera con l'approvazione delle modifiche dà un forte segnale per un rafforzamento istituzionale dell'OIM e il proseguimento del suo impegno in vista di una procedura coordinata a livello interstatale nell'ambito della migrazione.

Affinché la necessaria maggioranza venga raggiunta e quindi le modifiche degli statuti possano entrare in vigore per tutti gli Stati membri, tali modifiche devono essere approvate ancora da 11 Stati membri dell'OIM.


Per ulteriori informazioni:  
Jean-Marc Crevoisier
Capo Informazione DFAE
+41 (0)79 763 84 10


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
+41 (0) 31 322 31 53


Editore

Il Consiglio federale
Dipartimento federale degli affari esteri