Visita di lavoro a Berna del ministro degli affari esteri della Mongolia

Berna, Comunicato stampa, 25.10.2012

Il consigliere federale Didier Burkhalter, capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), ha ricevuto a Berna il 25 ottobre il ministro degli affari esteri della Mongolia, Luvsanvandan Bold, in occasione di una visita di lavoro ufficiale. I colloqui hanno riguardato le relazioni bilaterali, in particolare l'impegno della DSC in questo Paese, e vari aspetti multilaterali.

La Svizzera e la Mongolia intrattengono relazioni di amicizia da 48 anni, ha ricordato il consigliere federale accogliendo il suo ospite. La Svizzera è stato tra i primi partner economici non socialisti di questo Paese asiatico.

Nel corso dei colloqui ufficiali, Burkhalter ha parlato dell'impegno della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) in questo Paese. La DSC ha aperto nel 2004 un ufficio di coordinazione nella capitale Oulan-Bator. Nel quadro della cooperazione internazionale 2013-2016, approvata dal Parlamento, la DSC ha inserito la Mongolia nella lista dei dieci Paesi e regioni prioritari aumentando il contributo finanziario annuale destinatole da 13 a circa 18 milioni di franchi. La Svizzera continua a impegnarsi in particolare nei settori dell'ambiente e delle risorse naturali, della formazione professionale e della governance allo scopo di sostenere le attuali riforme politiche destinate a consolidare le istituzioni democratiche e ad accompagnare lo sviluppo economico della Mongolia.

Sul piano multilaterale, Burkhalter e Bold hanno discusso della cooperazione tra la Svizzera e la Mongolia in seno alle istituzioni dell'ONU e della candidatura della Mongolia, appoggiata dalla Svizzera, all'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Il capo del DFAE ha ricordato che la Svizzera assumerà la presidenza dell'OSCE nel 2014.

Sempre in ambito multilaterale i due ministri hanno parlato anche dell'attività del Consiglio dei diritti dell'uomo. Il consigliere federale Burkhalter ha accolto con favore la ratifica da parte della Mongolia, nel gennaio 2012, del secondo protocollo aggiuntivo al Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici, che rappresenta un importante passo avanti verso l'abolizione della pena di morte. La Svizzera, ha assicurato Burkhalter, intende sostenere e incoraggiare la Mongolia nel processo volto ad abolire completamente la pena capitale dalla sua legislazione nazionale.


Informazioni supplementari:

Relazioni bilaterali Svizzera – Mongolia
DSC - Mongolia


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri