Impegno della Svizzera per la protezione delle minoranze nazionali

Berna, Comunicato stampa, 25.01.2012

Berna - Il 25 gennaio 2012 il Consiglio federale ha approvato il terzo Rapporto della Svizzera sull'applicazione della Convenzione quadro del Consiglio d'Europa per la protezione delle minoranze nazionali. Nonostante gli importanti passi avanti compiuti negli ultimi anni, vi è ancora un margine di miglioramento per quanto concerne la situazione dei nomadi.

La Convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali è stata ratificata dalla Svizzera nell'ottobre del 1998 ed è entrata in vigore nel febbraio del 1999. Questa convenzione quadro del Consiglio d'Europa concerne le minoranze linguistiche nazionali e altri gruppi minoritari della popolazione svizzera, come i nomadi e i membri della comunità ebraica.  

Il terzo rapporto di monitoraggio approvato dal Consiglio federale fa il punto della situazione delle varie minoranze nazionali e illustra le misure adottate dalla Confederazione e dai Cantoni a partire dal 2009 per garantire l'efficacia dei risultati del precedente ciclo di monitoraggio. La nuova legge federale sulle lingue nazionali e la comprensione tra le comunità linguistiche, entrata in vigore nel 2010, ha già avuto effetti positivi sulla situazione delle persone appartenenti alle minoranze linguistiche. Nuove forme di sostegno sono previste per varie iniziative linguistiche, in particolare per quanto concerne la trasmissione delle conoscenze linguistiche in ambito didattico e la ricerca sul multilinguismo.

Tra le minoranze individuate dalla Svizzera nell'ambito della Convenzione quadro, i nomadi svizzeri sono la categoria più in difficoltà. Un motivo di preoccupazione resta la mancanza di aree di sosta e di transito in Svizzera per chi ha scelto una vita itinerante. Tale mancanza mette in pericolo un elemento essenziale dell'identità culturale di queste persone. Nonostante alcune iniziative positive e la presa di coscienza dell'opinione pubblica in molti Cantoni, in sostanza negli ultimi anni la situazione non è migliorata.

Il rapporto del Governo è stato elaborato dopo aver consultato vari uffici federali nonché Cantoni, conferenze dei direttori cantonali e organizzazioni cui fanno capo le minoranze interessate. Il rapporto, tradotto per la prima volta anche in romancio, è disponibile sul sito Internet del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

La Convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali è stata adottata dal Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa il 1° febbraio 1995. Si tratta di uno strumento multilaterale giuridicamente vincolante inteso a proteggere le minoranze nazionali e contenente soprattutto disposizioni di carattere programmatico volte a definire gli obiettivi che gli Stati Parte si impegnano a realizzare per la protezione delle rispettive minoranze nazionali.


Informazioni supplementari:

Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali, terzo ciclo di monitoraggio:


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
3003 Berna
Tel.: +41 (0)31 322 31 53
info@eda.admin.ch


Editore

Il Consiglio federale
Dipartimento federale degli affari esteri