La politica climatica svizzera sotto la lente della Cina

Berna, Comunicato stampa, 09.08.2011

Dal 14 al 21 agosto 2011 la Svizzera riceverà una delegazione di alti rappresentanti cinesi interessati all'esperienza svizzera in campo climatico. Attualmente la Cina è impegnata nella stesura di un disegno di legge sul clima alla quale la Svizzera, per il tramite della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), è stata invitata a collaborare. Nel corso di una settimana, parlamentari, accademici e rappresentanti del settore pubblico e privato illustreranno l'esperienza svizzera ai loro omologhi cinesi.

Conciliare crescita e ambiente è una delle maggiori sfide che la Cina deve affrontare. Divenuta di recente la seconda potenza economica mondiale e il primo consumatore di energia, la Cina si colloca oggi al primo posto per quanto concerne le emissioni di gas serra ed è al tempo stesso uno dei Paesi più colpiti dal mutamento climatico. La tutela dell'ambiente e il mutamento climatico figurano oggi tra le priorità del Paese, definite nel nuovo piano quinquennale per il periodo 2011-2015.  

Per affrontare queste sfide globali, Pechino punta in particolare sulla cooperazione internazionale. A tale scopo ha avviato un'analisi dei vari strumenti legislativi ed economici impiegati in taluni Paesi. Nel 2010, la Cina ha quindi invitato la Svizzera, per il tramite dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), a collaborare alla revisione del quadro giuridico relativo alla lotta contro l'inquinamento atmosferico e allo sviluppo di un disegno di legge sul clima.  

Nel quadro di tale collaborazione la Confederazione accoglierà, dal 14 al 21 agosto 2011, rappresentanti della Commissione nazionale per le riforme e lo sviluppo, della Commissione per la protezione ambientale e la conservazione delle risorse dell'Assemblea nazionale del popolo della Repubblica popolare Cinese, dell'Accademia cinese di scienze ambientali e dell'Accademia cinese delle scienze sociali.

La delegazione cinese avrà la possibilità di conoscere i vari strumenti sui quali si fonda l'attuazione della politica climatica svizzera, dai provvedimenti volontari delle imprese alla tassa sul CO2. La delegazione incontrerà esperti dell'Ufficio federale dell'ambiente, dell'Ufficio federale dell'energia e della Direzione dello sviluppo e della cooperazione e avrà l'opportunità di discutere con parlamentari svizzeri e rappresentanti del settore privato. È inoltre in programma una visita sul campo volta a illustrare i provvedimenti volontari delle imprese per ridurre le emissioni di CO2.  

Per ulteriori informazioni:
Informazione DFAE
+41 (0) 31 322 31 53


Informazioni supplementari:

Cambiamenti climatici ed ambiente - Superamento ed adattamento
Come affrontare l'inquinamento da polveri sottili


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri