Il DFAE condanna la violenza in Libia

Berna, Comunicato stampa, 21.02.2011

Il Dipartimento federale degli affari esteri DFAE condanna la violenza mirata impiegata dalle autorità libiche contro i dimostranti.

Il DFAE è profondamente preoccupato per i recenti sviluppi in Libia. Secondo numerose dichiarazioni rilasciate da testimoni e organizzazioni per i diritti umani, le autorità libiche reagirebbero con estrema durezza e violenza mirata alle persone che da giorni partecipano a dimostrazioni e a marce funebri. Ci sarebbero centinaia di morti e feriti. Secondo le informazioni in nostro possesso, gli ospedali sarebbero sovraffollati e non disporrebbero di sufficienti riserve di sangue. 

Il DFAE condanna severamente questa violenza contro i dimostranti. Secondo le testimonianze, nelle strade si svolgerebbero scene di inaccettabile brutalità. Il DFAE invita le forze di sicurezza in Libia a rinunciare alla violenza contro i loro cittadini.  

Sulla scorta delle sue esperienze con il regime a Tripoli, la Svizzera è consapevole del coraggio dimostrato dalle persone, scese in strada per rivendicare i loro diritti democratici.  

I preparativi per l’istituzione del tribunale arbitrale internazionale che la Svizzera ha dovuto accettare affinché i due ostaggi elvetici potessero lasciare la Libia sono sospesi. 

L’ambasciata svizzera a Tripoli è in contatto con tutti i 46 cittadini elvetici notificati. Nella maggior parte dei casi si tratta di persone con la doppia cittadinanza. Le condizioni di sicurezza in Libia sono precarie e regna incertezza su come evolverà la situazione. Il DFAE consiglia pertanto a tutti i cittadini svizzeri che si trovano nello Stato nordafricano di lasciare il paese. Il Dipartimento degli affari esteri raccomanda altresì di rinunciare a viaggi in Libia.


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri