La presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey in visita ufficiale in Croazia

Berna, Comunicato stampa, 14.11.2011

Lunedì 14 novembre 2011 la presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey si è recata per una visita ufficiale nella capitale croata Zagabria, dove è stata accolta dal presidente croato Ivo Josipovic, dal vice primo ministro e ministro degli esteri Gordan Jandrokovic e dal presidente del Parlamento Luka Bebic. Si tratta del primo incontro di questo genere tra i vertici dei due Stati.

La presidente della Confederazione, capo del Dipartimento federale degli affari esteri DFAE, si è congratulata con la Croazia, che festeggia il ventesimo anniversario della sua indipendenza. «Il nostro Paese è legato allo Stato indipendente della Croazia da un partenariato stretto e positivo», ha affermato la presidente della Confederazione in occasione della visita: «Allo stesso tempo le nostre relazioni bilaterali hanno ancora un grande potenziale di sviluppo, ad esempio per quanto riguarda l'approfondimento del dialogo politico, le relazioni economiche o la cooperazione nell'ambito delle organizzazioni internazionali». 

Temi centrali dei colloqui sono stati il comune interesse per la pace, la stabilità e la prosperità dell'intera area dell’Europa sudorientale e le prospettive di una migliore collaborazione bilaterale e multilaterale tra la Svizzera e il futuro membro dell’UE.  Questa estate, il Paese ha portato a buon fine i negoziati di adesione all'UE e nel corso del 2013 diventerà molto probabilmente il 28° Stato membro dell'Unione europea. 

La presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey si è congratulata per le importanti riforme portate avanti dalla Croazia durante il suo percorso di adesione all'UE in settori come l'economia, la giustizia e i diritti fondamentali.  

Ha anche accolto con favore l'impegno della Croazia nella difficile ricostruzione delle relazioni tra gli Stati dell'Europa sudorientale nella fase successiva alla guerra: «La Croazia, in quanto futuro membro dell'UE, potrà continuare a contribuire in modo determinante alla promozione della stabilità e dello sviluppo dell'intera regione», ha affermato la presidente della Confederazione.  

La Svizzera ha avviato relazioni diplomatiche con il nuovo Stato nel 1992, in seguito alla dichiarazione d'indipendenza dell'allora Repubblica di Croazia dalla Repubblica federativa popolare di Jugoslavia. La Svizzera ha sostenuto la Croazia colpita dalla guerra (1990-1992) dapprima con aiuti umanitari, poi nella ricostruzione e nella rimozione delle mine. Attualmente la Svizzera è impegnata soprattutto in progetti di analisi del passato e di tutela delle minoranze nell'intera regione. Inoltre, la Svizzera gestisce nella regione il programma di ricerca SCOPES, al quale partecipano anche partner croati. La Croazia è attualmente il secondo partner commerciale della Svizzera nell'Europa sudorientale, nonostante dal 2009 le relazioni economiche siano diminuite a causa della crisi.  

Per ulteriori informazioni:
Adrian Sollberger, portavoce DFAE, tel. +41 79 301 62 84


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri