Visita di Stato della presidente della Repubblica dell

Berna, Comunicato stampa, 03.10.2011

Il 3 ottobre 2011 il Consiglio federale ha ricevuto Sua Eccellenza Smt. Pratibha Devisingh Patil, presidente della Repubblica dell’India, e il suo consorte in occasione di una visita di Stato in Svizzera. Dopo gli onori militari sulla Piazza federale e i discorsi ufficiali in Parlamento, la delegazione svizzera condotta dalla presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey e la delegazione indiana hanno intrattenuto colloqui bilaterali. La seconda giornata della visita di Stato si svolgerà nel Canton Vaud.

L’India è uno dei principali partner della Svizzera in Asia. I contatti bilaterali e politici tra i due Paesi sono in costante sviluppo e gli scambi economici, così come la collaborazione scientifica, aumentano continuamente. «Le nostre relazioni bilaterali risalgono ai tempi dell’indipendenza indiana e da allora hanno continuato a rafforzarsi. Sono eccellenti, fruttuose e cordiali», ha dichiarato la signora Calmy-Rey nel suo discorso pronunciato nella Sala dei passi perduti del Parlamento. 

Successivamente, le delegazioni svizzera e indiana hanno intrattenuto colloqui bilaterali condotti dalla presidente della Confederazione e da Sua Eccellenza Smt. Pratibha Devisingh Patil. Erano presenti il ministro di Stato indiano per gli affari parlamentari Shri Rajeev Shukla, le consigliere federali Eveline Widmer–Schlumpf e Doris Leuthard e i consiglieri federali Ueli Maurer, Didier Burkhalter e Johann Schneider-Ammann. Le discussioni hanno riguardato vari argomenti di interesse bilaterale, come la collaborazione in materia economica e finanziaria. A questo riguardo, le due delegazioni hanno sottoscritto un memorandum d’intesa («Memorandum of Understanding») per un dialogo sulle questioni finanziarie mirato allo sviluppo di contatti regolari e privilegiati, con l’obiettivo di rafforzare la collaborazione tra l’India e la Svizzera in questo campo. 

Sempre a livello bilaterale, le due delegazioni hanno discusso di cooperazione scientifica e tecnologica. La Svizzera e l’India hanno appena deciso di finanziare undici nuovi progetti di ricerca congiunti nel campo delle scienze dei materiali, delle nanotecnologie e delle scienze sanitarie. Dal 2008, i due Paesi hanno cofinanziato in parti uguali ben 34 progetti di ricerca, 84 borse di scambio e quattro partenariati istituzionali, per un investimento da parte elvetica dell’ordine di undici milioni di franchi svizzeri.  

Nel corso dei colloqui è stato anche affrontato il tema del cambiamento climatico. Nel quadro del suo programma globale, la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) sostiene gli sforzi dell’India nella lotta contro i cambiamenti climatici. Un nuovo progetto riguarda in particolare l’efficienza energetica degli edifici.Le delegazioni hanno discusso inoltre dell’Accordo di libero scambio, che è attualmente oggetto di negoziati tra l’India e l’Associazione europea di libero scambio. Infine, sono state trattate varie questioni di portata internazionale, come la riforma del Consiglio di sicurezza dell’ONU e la cooperazione internazionale in materia di sicurezza e di lotta contro la criminalità. Al termine di questa prima giornata era in programma una cena ufficiale al Bernerhof organizzata dal Consiglio federale in onore del capo di Stato indiano e del suo consorte, il Dr. Devisingh Ramsingh Shekhawat.

Nella seconda giornata della visita di Stato, la delegazione indiana, accompagnata dalla signora Calmy-Rey, incontrerà dei rappresentanti del mondo dell’economia svizzera e indiana a Berna. L’India è una priorità della strategia di politica economica estera della Svizzera e uno dei nostri quattro principali partner commerciali in Asia. Dal 2000, il volume degli scambi tra la Svizzera e l’India è progredito del 180% circa ed è oggi stimato a più di 3,5 miliardi di franchi.   

In qualità di settimo Paese importatore, la Svizzera presenta un avanzo commerciale annuo verso l’India ampiamente superiore al miliardo di franchi. Con investimenti diretti pari a circa 1,1 miliardi di franchi nel 2010 e 170 filiali e joint-venture di imprese elvetiche, la Svizzera occupa l’11° posto tra gli investitori stranieri in India. 

Le delegazioni svizzere e indiane si recheranno in seguito nel Canton Vaud, presso la sede dell’Università di Losanna, in cui saranno accolte dalla signora Anne-Catherine Lyon, consigliera di Stato incaricata della formazione e della gioventù, dal professor Dominique Arlettaz, rettore dell’Università di Losanna, e dal professor François Rosset, decano della Facoltà di lettere. La signora Devisingh Patil e la signora Calmy-Rey assisteranno alla firma di un memorandum d’Intesa («Memorandum of Understanding») sugli studi indiani tra l’Università di Losanna e l’«Indian Council for Cultural Relations».

La visita di Stato terminerà con una crociera sul Lago di Ginevra. L’ultima visita ufficiale in Svizzera di un capo di Stato indiano risale al 2005. L’ultimo viaggio in India della signora Calmy-Rey, capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), ha avuto luogo nell’agosto 2010 nell’ambito di una visita ufficiale, nel corso della quale ha sottoscritto il protocollo relativo alla revisione della Convenzione di doppia imposizione (CDI) e annunciato l’apertura ufficiale di un consolato generale di Svizzera a Bangalore, dove ha sede un’unità di promozione della cooperazione per la ricerca scientifica (swissnex).

Per maggiori informazioni:

Pierre-Alain Eltschinger,
Portavoce DFAE,
079 517 79 82


Informazioni supplementari:

Visita di Stato della presidente della Repubblica dell'India


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri