Contro la pena di morte per i minorenni in Iran

Berna, Comunicato stampa, 06.07.2010

La Svizzera è contro l’esecuzione capitale di minorenni in Iran. Il Dipartimento federale degli affari esteri DFAE chiede alle autorità iraniane l’annullamento di una condanna a morte che dovrebbe essere eseguita domani, mercoledì 7 luglio 2010.

In concreto si tratta di un giovane iraniano che nel 2004, all’età di 15 anni, è stato condannato a morte per un omicidio a scopo di rapina. Le circostanze esatte dell’accaduto sono ancora oggi poco chiare, soprattutto dopo che l’accusato ha ritrattato la sua confessione durante la detenzione. L’esecuzione della condanna a morte è stata rimandata più volte nel corso degli ultimi anni. Il giovane dovrebbe essere giustiziato domani, mercoledì 7 luglio 2010.

La Svizzera è subito intervenuta presso le autorità iraniane sia attraverso la nostra ambasciata a Teheran che attraverso il nostro ambasciatore per le questioni di politica dei diritti dell’uomo a Berna.

La pena di morte applicata ai minorenni è una priorità del dialogo sui diritti umani tra la Svizzera e l’Iran. Questa e altre violazioni dei diritti umani sono sistematicamente oggetto di interventi diplomatici. Il DFAE condanna le numerose esecuzioni di giovani avvenute negli ultimi anni, nonché la pena di morte in generale in Iran, e chiede alle autorità iraniane di abolire la pena di morte o perlomeno di introdurre una moratoria.


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri