Eventuale partecipazione della Svizzera al progetto e-customs dell’Unione europea

Berna, Comunicato stampa, 10.12.2010

Il 10 dicembre 2010 il Consiglio federale ha deciso di proporre all’Unione europea (UE) di avviare colloqui esplorativi in merito a un’eventuale partecipazione della Svizzera al progetto di dogana informatizzata dell’UE.

Nell'ambito della politica di crescita 2008-2011 il Consiglio federale intende implementare la propria strategia di e-government nonché migliorare la cooperazione internazionale nel settore doganale. In vista di un'eventuale partecipazione della Svizzera al progetto
e-customs dell'UE, il Consiglio federale proporrà alla Commissione europea l'avvio di colloqui esplorativi.

Il progetto e-customs mira alla modernizzazione e alla completa informatizzazione delle procedure doganali all'interno dell'UE. L'innovazione principale consiste, da un lato, nell'interazione diretta tra i sistemi di sdoganamento dei 27 Stati membri e, dall'altro, nella messa in rete degli operatori economici.

Da aprile a ottobre 2010 un gruppo di lavoro interdipartimentale incaricato dal Consiglio federale ha verificato la participazione possibile della Svizzera al progetto e-customs dell'UE. In vista di una semplificazione degli scambi commerciali con l'UE è stata esaminata la possibilità di creare una "zona comune per le procedure doganali" tramite l'interazione diretta tra i sistemi di sdoganamento della Svizzera e degli Stati membri dell'Unione europea.


Indirizzo per domande:

Antje Baertschi, SECO, vicecapo Comunicazioni, tel. 031 323 52 75

Per domande concernenti le dogane:
Servizio della comunicazione DGD tel. 031 322 50 56

Per domande concernenti l’UE:
Tilmann Renz, Capo della comunicazione UI, tel. 031 322 26 40


Editore

Dipartimento federale dell
Dipartimento federale delle finanze
Dipartimento federale degli affari esteri