Tracciato della frontiera tra la Svizzera e l

Berna, Comunicato stampa, 19.08.2009

Il Consiglio federale ha approvato oggi lo Scambio di note con l'Italia concernente la frontiera nazionale in caso di cambiamenti naturali della linea displuviale o della linea di cresta dei ghiacciai.

Nelle zone di alta montana svariati settori della frontiera con l'Italia sono delimitati dalla linea displuviale o dalla linea di cresta lungo i ghiacciai, le morene, i nevai o i nevai perenni (segnatamente nei massicci del Bernina, del Monte Rosa, in prossimità del Cervino e attorno al Mont Vélan). In questi siti la delimitazione della frontiera non è resa visibile tramite la posa di ceppi o altri segnali, come è invece abitualmente il caso nei luoghi in cui la frontiera è accessibile. Inoltre, queste formazioni orografiche d'alta montagna possono subire importanti variazioni, segnatamente a causa della contrazione dei ghiacciai. 

Lo Scambio di note stabilisce il criterio secondo il quale allorquando la frontiera coincide con la linea di cresta di un ghiacciaio, questa segue i progressivi cambiamenti naturali della linea di cresta. In caso di scioglimento completo del ghiacciaio, la frontiera deve coincidere con la linea displuviale o di cresta della superficie rocciosa emergente. 

Lo Scambio di note incarica la Commissione mista per la manutenzione del confine italo-svizzero di definire il tracciato attuale della frontiera in corrispondenza dei siti interessati.


Indirizzo per domande:

Servizio stampa e informazione
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri