La Svizzera s’ingaggia nella commissione di consolidamento della pace dell’ONU

Berna, Comunicato stampa, 06.07.2009

L’Ambasciatore Peter Maurer, rappresentante permanente della Svizzera presso le Nazioni Unite a New York, è stato eletto il 29 giugno 2009 presidente della Riunione specifica sul Burundi della Commissione di consolidamento della pace dell’ONU. Il 1° luglio succederà alla presidenza svedese per la durata di un anno. La Svizzera è membro di questa Riunione specifica dal mese di maggio di quest’anno.

In veste di presidente della Riunione specifica sul Burundi della Commissione di consolidamento della pace dell’ONU, l’Ambasciatore Maurer potrà appoggiarsi alla lunga esperienza maturata dal Dipartimento federale degli affari esteri in materia di cooperazione con il Burundi. Dagli Anni Sessanta la Svizzera è presente con la sua cooperazione allo sviluppo nella regione dei Grandi Laghi. Con lo scoppio dei conflitti all’inizio degli anni Novanta, il nostro Paese si è pure attivato sia nell’ambito dell’aiuto umanitario sia nel processo di pace. La Svizzera dispone oggi sul posto di un ufficio della Direzione allo sviluppo e della cooperazione (DSC), come pure di un consulente in materia di consolidamento della pace subordinato all’Ambasciata svizzera a Nairobi. Le attività attuali si focalizzano segnatamente sulla facilitazione del dialogo politico, sul controllo delle armi leggere e di piccolo calibro, sulla giustizia transfrontaliera, sulla gestione governativa e sulla sanità.

Circa la metà dei processi di pace falliscono nei cinque anni che seguono il «cessate-il-fuoco». Durante questo periodo critico, la Commissione di consolidamento della pace è incaricata di mobilitare l’attenzione e le risorse della comunità internazionale, di proporre strategie integrate per il consolidamento della pace e della ricostruzione dopo i conflitti. Essa organizza i suoi lavori in forma di riunioni plenarie, come pure di riunioni specifiche sui Paesi al centro delle sue preoccupazioni. Attualmente questo ruolo rimane limitato a quattro Paesi : Burundi, Guinea Bissau, Repubblica Centrafricana e Sierra Leone. L’istituzione nel dicembre 2005 della Commissione di consolidamento della pace è l’espressione della volontà internazionale di rafforzare l’efficacia dell’ONU nel suo mandato di consolidamento della pace, e questo in risposta a uno degli obiettivi principali della politica estera del nostro Paese.


Informazioni supplementari:

Impegno del DFAE nella regione dei Grandi Laghi


Indirizzo per domande:

Servizio stampa e informazione
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri