Il DFAE è preoccupato per gli sviluppi politici in Niger

Berna, Comunicato stampa, 03.07.2009

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) è preoccupato per la situazione politica che si sta sviluppando in Niger. Il DFAE deplora la decisione del Presidente Tandja di sciogliere la Corte costituzionale ed esprime la sua inquietudine per la sua decisione di ricorrere a un referendum costituzionale mirante a instaurare in Niger una 6a Repubblica.

Il DFAE reputa che lo scioglimento della Corte costituzionale e la decisione di governare mediante decreti e ordinanze siano atti che mettono in pericolo i valori democratici e la stabilità del Niger. Deplora le restrizioni imposte ai media privati e alla libertà d’espressione ed esorta i responsabili al rispetto della Costituzione e dello Stato di diritto. Incita inoltre tutti gli attori della società nigerina a dar prova della massima prudenza e a operare nell’interesse del Paese.  

Stato tra i più poveri del pianeta, il Niger è un Paese prioritario della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC). Sono in atto programmi per un ammontare complessivo annuo di 12 milioni di franchi nei settori della decentralizzazione e della governance locale, dello sviluppo rurale nonché dell’educazione e della formazione. Il DFAE esaminerà alla luce degli sviluppi della situazione le sue relazioni bilaterali con le autorità del Niger e il suo programma di cooperazione allo sviluppo.  

Sono registrati in Niger circa 40 cittadini e cittadine svizzeri.


Informazioni supplementari:

L'impegno della DSC


Indirizzo per domande:

Servizio stampa e informazione
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri