Visita ufficiale di lavoro a Berna del ministro degli affari esteri macedone Antonio Milososki

Berna, Comunicato stampa, 04.05.2009

Il 4 maggio, il ministro degli affari esteri macedone Antonio Milososki si è intrattenuto a Berna, in occasione di una visita ufficiale di lavoro, con la sua omologa, la consigliera federale Micheline Calmy-Rey.

I colloqui, che si sono tenuti nella casa Von Wattenwyl, erano incentrati sulle relazioni tra i due Paesi, su temi di carattere bilaterale, regionale e internazionale, nonché sulla preparazione in vista della presidenza al Consiglio d’Europa. L’ultimo contatto bilaterale a livello ministeriale ha avuto luogo alla fine di marzo 2008 quando la consigliera federale Micheline Calmy-Rey si è recata in visita a Skopje. 

Durante i colloqui, la consigliera federale Micheline Calmy-Rey ha sottolineato le ottime relazioni che intercorrono tra la Svizzera e la Macedonia. Non da ultimo, i 60 000 cittadini macedoni residenti in Svizzera hanno contribuito notevolmente a intensificarle. La ministra degli affari esteri svizzera ha comunicato al suo omologo che la Svizzera è molto favorevole all’integrazione europea della Macedonia. Ha altresì colto l’occasione per spiegare al ministro degli esteri Milososki i punti essenziali della politica europea della Svizzera. 

La Svizzera sostiene la Macedonia anche attraverso la cooperazione tecnica e finanziaria. L’impegno di 12 milioni di franchi all’anno assunto dal nostro Paese prevede azioni nell’ambito del buongoverno (dialogo e intesa tra i gruppi linguistici, democrazia, stato di diritto, prevenzione dei conflitti), dell’economia e dell’occupazione, del sostegno di progetti per la creazione di infrastrutture, nonché nei settori della sanità e dell’ambiente.

Al centro dei colloqui vi sono le presidenze della Svizzera e della Macedonia in seno al Consiglio d’Europa. Dal 18 novembre 2009 alla metà di maggio 2010, la Svizzera presiederà per sei mesi il Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa. La Macedonia assumerà la presidenza per i sei mesi successivi. La ministra degli affari esteri Calmy-Rey ha spiegato al suo omologo che la politica della Svizzera consiste nell’incentrare le attività del Consiglio d’Europa nei suoi tre ambiti principali: la salvaguardia dei diritti umani e la promozione della democrazia e dello stato di diritto. Particolare attenzione è stata accordata alla riforma urgente della Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo. La consigliera federale Micheline Calmy-Rey ha promesso di intensificare la cooperazione con la Macedonia durante la presidenza della Svizzera.


Informazioni supplementari:

Paesi Macedonia


Indirizzo per domande:

Servizio stampa e informazione
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri