Rinnovo dell’aiuto finanziario della Confederazione in favore del Museo internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa a Ginevra

Berna, Comunicato stampa, 29.05.2009

In occasione della sua seduta del 29 maggio 2009, il Consiglio federale ha approvato un limite di spesa pari a 4'125'300 di franchi, destinato a finanziare l’aiuto della Confederazione al Museo internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (MICR) per gli anni 2010–2013.

Orientate sulle questioni umanitarie e sullo sviluppo del diritto internazionale umanitario, le attività del Museo internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (MICR) concernono uno dei principali settori della politica estera svizzera. Dal 1991, la Confederazione fornisce il suo sostegno finanziario al MICR, al pari del Cantone di Ginevra e del CICR. Il contributo della Confederazione per il periodo 2006–2009 è ammontato a 3,9 milioni di franchi. Il Consiglio federale ha approvato oggi un nuovo limite di spesa pari a 4'125'300 di franchi per gli anni 2010 – 2013. Benché ricerchi sistematicamente finanziamenti privati e faccia appello al benevolato, il MICR è prevalentemente sostenuto dai contributi finanziari delle autorità svizzere e ginevrine.  

Il Museo internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (MICR) è una fondazione di diritto svizzero avente lo scopo di presentare la storia della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa come pure la storia e gli sviluppi attuali del diritto  internazionale umanitario. Il MICR beneficia di una solida reputazione sia in Svizzera sia all’estero, segnatamente grazie alla serietà del suo  lavoro e alla qualità delle sue esposizioni. Il numero di visitatori annuali del museo è aumentato da 38'000 nel 1989 a oltre 101’600 nel 2008. 

Per ulteriori informazioni:
Informazione DFAE, tel. +41 31 322 31 53


Indirizzo per domande:

Servizio stampa e informazione
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri