Stati fragili: Occorrono maggiore impegno e flessibilità

Articolo, 25.05.2012

Circa 1,5 miliardi di esseri umani vivono in Stati fragili o lacerati da un conflitto. Alla luce della complessa situazione in cui versano queste popolazioni, che sono tra le più povere del mondo, la cooperazione allo sviluppo è costretta ad adattare il proprio modus operandi. L’approvazione del Messaggio concernente la cooperazione internazionale della Svizzera 2013-2016 da parte del Parlamento consentirà alla DSC di aumentare sostanzialmente gli aiuti agli Stati fragili.

Secondo la definizione dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), «gli Stati sono fragili quando le loro strutture istituzionali non possiedono la capacità e/o la volontà politica di provvedere alle funzioni fondamentali necessarie alla riduzione della povertà, allo sviluppo e alla tutela della sicurezza e dei diritti umani delle loro popolazioni». Sulla base di una serie di criteri e fonti, nel 2011 l’OCSE ha registrato 44 Stati fragili, una cifra in costante aumento da vent’anni. La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) è attiva in numerosi Stati fragili, come ad esempio l’Afghanistan.

Lo sviluppo di questi Paesi è gravemente ostacolato dalla debolezza delle loro istituzioni, dal malgoverno e dall’assenza di sicurezza. Gli Stati fragili non hanno raggiunto nemmeno uno degli otto Obiettivi di Sviluppo del Millennio, volti a ridurre sostanzialmente la povertà nel mondo entro il 2015. La fragilità dei Paesi del Sud ha inoltre ripercussioni anche sui Paesi del Nord.

Approccio integrato
Benché negli ultimi anni il volume dell’aiuto internazionale sia aumentato, la sua qualità rimane insufficiente. In effetti, la cooperazione è confrontata a sfide che non rientrano nel suo mandato tradizionale ed è costretta ad adattare il proprio approccio. In questo contesto, lo scorso anno i Paesi donatori hanno adottato un documento conclusivo al termine della conferenza di Busan (Corea del Sud) in cui hanno riaffermato la necessità di migliorare la sicurezza, lottare contro l’ingiustizia e creare posti di lavoro.

I donatori hanno ugualmente stabilito che un approccio integrato è al contempo più flessibile ed efficace: la cooperazione allo sviluppo (bilaterale e multilaterale), l’aiuto umanitario, la diplomazia e l’esercito sono tutti strumenti potenzialmente efficaci, ma vanno strettamente coordinati per poter rispondere a situazioni in continua evoluzione.

Aumentare l’aiuto
Il Messaggio concernente la cooperazione internazionale 2013-2016, che sarà discusso prossimamente in Parlamento, prevede un aumento dal 15 al 20% dell’aiuto agli Stati fragili o colpiti da un conflitto. Questo incremento consentirà alla DSC di accelerare la realizzazione degli Obiettivi del Millennio.

La DSC intende potenziare la propria azione in alcune regioni in cui è già presente, in particolare nell’Africa occidentale, e lanciare nuovi programmi nel Myanmar nonché nel Corno d’Africa, dove sta attuando un approccio integrato.

 

Cover von Eine Welt

Dossier Un solo mondo
Gli Stati fragili o in conflitto ospitano le popolazioni più povere del pianeta e accusano un enorme ritardo nello sviluppo. Il n° 2/2012 di Un solo mondo dedica loro un dossier. La rivista presenta inoltre un servizio sulla situazione attuale in Afghanistan, uno Stato considerato fragile e in cui la DSC opera da dieci anni, vista attraverso il racconto di una donna che ha osato opporsi ai talebani. Chiude la rassegna un’intervista a Manuel Bessler, direttore del settore Aiuto umanitario della DSC.

 

Un solo mondo
Download (PDF, 10400 KB): [de] [fr] [it]
Ordinare

 

Cover of the Evaluation

Valutazione
Da un'analisi dei suoi interventi in contesti fragili e interessati da conflitti, risulta che la DSC dispone degli strumenti adeguati per operare in Paesi fragili, conil giusto mix di approcci e di istinto operativo che le consentono di svolgere un ruolo prezioso nel sistema internazionale. Per sfruttare appieno il suo potenziale, la DSC deve diventare più flessibile e integrare la propria componente tecnica con il dialogo e la strategia politica. Gli strumenti in possesso della DSC per operare in contesti fragili sono molteplici. Mentrel'efficacia individuale dei singoli strumenti è buona, è ampio il margine di miglioramento nella capacità di armonizzare tali strumenti al fine di renderli idonei ad affrontare la fragilità e i conflitti in modo radicale.

 

Evaluation of the performance of SDC instruments in fragile and conflict-affected contexts
Download (PDF, 1291 KB): [en]
Ordina
Annexes [en]

 

Informazioni supplementari