La Confederazione invia alcuni esperti dopo la valanga in Pakistan

Articolo, 09.04.2012

Sabato scorso una valanga si è abbattuta nel nord del Pakistan, nei pressi del ghiacciaio diSiachen aoltre4570 metri di altezza, travolgendoun campo di soldati. Secondo le stime dell'esercito pakistano, 124 militari e 11 civili sono rimasti sepolti sotto la neve. Su richiesta del Governo pakistano,la Confederazione ha inviato lunedìtre esperti di salvataggio sul luogo del disastro. La Svizzera dispone di un'esperienza internazionalmente riconosciuta nel campo delle operazioni di soccorso in alta montagna. L'intervento è coordinato dall'Aiuto umanitario della Confederazione.

La squadra svizzera,composta dal capo del soccorso alpino diZermatt, da una guida di montagna e paramedico e da un conducente di cani con un cane da valanga, sarà operativa a partire da martedì e contribuirà alle ricerche sul posto. L'Ufficio della Direzione dello sviluppoe della cooperazione DSC aIslamabad si mantiene in stretto contatto con le unitàdi intervento pakistane. Domenica e lunedì le ricerche delle vittime della valanga si sono intensificate.I soccorritori, muniti di pesanti apparecchiature, si sono fatti largo tra una coltre di circa 25 metri di neve, roccia e fango, sotto alla qualeè sepolto il campo dei soldati. Le speranze di trovare in vita dei superstiti sono minime. Sinora le vittime non sono state individuate.

La Svizzeraè attiva da oltre 40 anni in Pakistan nel campo della cooperazione allo sviluppo, in particolare nella lottaalla povertà e nel sostegno alle fascedipopolazione piùsvantaggiate che vivono nella regione al confine con l'Afghanistan.

Informazioni supplementari

  • Pakistan
    La Svizzera è attiva in Pakistan dal 1966. I 40 anni di cooperazione allo sviluppo in questo Paese s...