Libano: istruzione e sanità in un quartiere in cui coabitano libanesi, siriani e palestinesi


Foto dell’interno di una classe con un’insegnante in piedi mentre mostra un libro a un gruppo di bambine e bambini.
Tahaddi fornisce servizi essenziali per le bambine e i bambini di un quartiere sfavorito di Beirut, in particolare nell’ambito dell’istruzione. © Tahaddi

Gli abitanti del quartiere di Hay el Gharbé nella zona sud di Beirut vivono in situazioni molto precarie. Dal 2012 nella zona sono arrivati anche molti profughi siriani. La DSC sostiene Tahaddi, una ONG libanese, il cui lavoro fa veramente la differenza per le persone che risiedono in questa periferia della città. Il suo centro educativo per esempio ha permesso a molte bambine e molti bambini di riprendere la scuola e di uscire dalla miseria. 

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Libano
Istruzione
Sanità
Primary education
Assistenza sanitaria primaria
Servizi medici
01.08.2016 - 31.12.2019
CHF 774'000

Hay el Gharbé si trova a qualche chilometro dall’animato centro di Beirut. Qui piccole costruzioni di fortuna si ammassano le une sulle altre. Le strade sono polverose e coperte da una fitta rete di cavi elettrici. In questo quartiere sfavorito e in quelli vicini, come nel campo palestinese di Chatila, coabitano Libanesi, profughi siriani e palestinesi e altre persone migranti in cerca di lavoro.

Vista dal tetto della scuola sul quartiere di Hay el Gharbé con le cisterne e i pneumatici sui tetti delle case.
Tahaddi porta avanti le sue attività nel quartiere sfavorito di Hay el Gharbé nella zona sud di Beirut. © Tahaddi

È qui che Tahaddi svolge il suo lavoro. Dal 2008 questa ONG libanese aiuta migliaia di famiglie costrette ad affrontare molte difficoltà: precarietà, esclusione dal sistema scolastico, traumi, assenza di ambulatori e ospedali ecc. L’arrivo dei profughi siriani dal 2011 non ha fatto altro che aumentare il numero delle persone vulnerabili.

«All’inizio ci siamo occupati di curare le ferite dei bambini perché le madri disperate non avevano i mezzi per rivolgersi a un dispensario» spiega Catherine Mourtada, cofondatrice dell’ONG. «Ma abbiamo capito subito che le necessità erano molto maggiori. Per questo abbiamo deciso di aprire un centro medico-sociale e un centro educativo».

Un’oasi di pace in mezzo ai tuguri

Nel 2010 nasce dunque un vero e proprio centro educativo. Oggi, il centro scolastico di Tahaddi accoglie più di 350 allieve ed allievi in diversi programmi: quattro classi prescolari, 11 classi della scuola primaria e un centinaio di ragazze e ragazzi inseriti in un progetto di sostegno per lo svolgimento dei compiti scolastici. Queste bambine e questi bambini non scolarizzati o descolarizzati possono così seguire un corso di insegnamento conforme agli obiettivi dell’educazione nazionale. L’insegnamento è anche adeguato alle loro difficoltà sociali. I corsi comprendono arabo, inglese, matematica, scienze, storia, geografia e informatica. Anche la musica, le arti plastiche, il teatro e l’attività fisica fanno parte dei programmi scolastici. Quello di Tahaddi è un centro inclusivo e accoglie anche sette persone dalle esigenze speciali.

L’obiettivo è portare un soffio di normalità nella vita di questo quartiere. Il tetto della scuola viene usato come cortile di ricreazione ed è il solo spazio di gioco della zona.

Dal 2012 nel centro educativo di Tahaddi ci sono anche bambine e bambini siriani giunti nel Paese come profughi. Spesso sono profondamente traumatizzati da quello che hanno vissuto in Siria e sono incapaci di parlare normalmente. Basta il passaggio di un elicottero a gettarli nel panico. Come nel caso di altri minori in difficoltà sono seguiti da personale esperto in ortofonia, psicologia e scienze psicomotorie.

Un laboratorio di sartoria accoglie una decina di donne, tra cui alcune madri di allieve ed allievi. I vestiti che escono da questo laboratorio vengono venduti e il denaro raccolto va alle sarte. Queste misure fanno parte di un programma più ampio di Tahaddi che mira a coprire le esigenze socio-educative di queste famiglie e include l’alfabetizzazione e la formazione professionale degli adulti.     

Servizi sanitari a portata di mano

Il centro medico-sociale di Tahaddi è un altro punto nevralgico del quartiere. Fondato nel 2008 garantisce oltre 600 visite gratuite al mese. Farmaci ed esami di laboratorio sono sovvenzionati o forniti a prezzi di costo. La maggior parte dei problemi trattati riguardano ferite legate allo svolgimento di lavori pesanti e pericolosi. Molti adulti del quartiere lavorano in settori professionali le cui condizioni sono particolarmente difficili. Anche bruciature, lesioni dovute a elettrocuzione, morsi di ratti e malattie respiratorie sono molto frequenti, e i casi di gastroenterite infantile sono numerosi. I virus si propagano facilmente in un ambiente in cui poche famiglie dispongono di un frigorifero e di acqua corrente.

Per il dottor Dany Daham le condizioni insalubri del quartiere e lo stress permanente nel quale vivono i suoi abitanti sono vere e proprie sfide. Dal 2008 Dany Daham si reca tutti i giorni dal centro di Beirut a Hay el Gharbé per esercitarvi il proprio mestiere. «A volte devo curare casi di malattie polmonari gravi e raccomando ai pazienti di smettere di fumare, ma come fanno a liberarsi di questa dipendenza in un ambiente così duro? Anch’io sono un ex fumatore e so quanto è stato difficile rinunciare alle sigarette nonostante la mia situazione privilegiata».     

Il centro medico-sociale è fondamentale per i profughi siriani che lì possono ricevere le cure necessarie senza dover mostrare documenti ufficiali. Dal 2015 il Libano non registra più i siriani che entrano sul suo territorio. La loro presenza è di fatto illegale e questa situazione complica il loro accesso ai servizi pubblici come quelli sanitari.

Il sostegno della DSC a Tahaddi è frutto della volontà della Svizzera di proteggere le persone particolarmente vulnerabili in Libano a prescindere dalla loro origine, la loro etnia o le loro opinioni politiche. Questo aiuto è essenziale in un Paese che accoglie oltre un milione e mezzo di profughi siriani e circa 174’000 profughi palestinesi.

Il sostegno della DSC a Tahaddi comprende anche un contributo del Principato del Lichtenstein. Il cofinanziamento è garantito da un partenariato tra i due Paesi in materia di aiuto umanitario.

Nadia accanto a un alunno
© Tahaddi

Il lavoro di Tahaddi si basa sul grande impegno del suo personale. Alcune donne e uomini che collaborano con l’ONG provengono da Hay el Gharbé, come Nadia* (18 anni), per esempio, che ha studiato nel centro educativo di Tahaddi prima di cominciare a collaborare con l’organizzazione in qualità di assistente dell’educatrice delle classi prescolari. Qui racconta qual è stato il suo percorso.  

Blog DFAE

* nome fittizio per rispettare l’anonimato della persona.