Nepal

La Svizzera sostiene lo sviluppo democratico del nuovo Stato federale in Nepal. Attraverso la DSC, promuove uno sviluppo socioeconomico equo e l’esercizio da parte delle donne e degli uomini dei loro diritti e responsabilità nell’ambito delle nuove strutture federali.

Cartina del Nepal
© DFAE

Il Nepal sta attraversando profonde trasformazioni demografiche, economiche e politiche. Nel Paese è in atto un’urbanizzazione accelerata: si prevede che la popolazione delle città raddoppierà entro il 2050. Nel 2015, una serie di terremoti ha scosso il Nepal rallentandone l’economia. La migrazione per motivi di lavoro, principalmente verso i Paesi del Golfo, è un fattore rilevante che permette di ridurre la povertà. Tuttavia essa continua a dipendere dalle fluttuazioni dell’economia regionale. Nell’arco di 15 anni, il tasso di povertà nazionale è sceso dal 53 al 23 % grazie alle rimesse di denaro inviate dai cittadini nepalesi che lavorano nei Paesi del Golfo.

Nel 2015, il Nepal ha adottato una nuova Costituzione federale, che ha comportato la creazione di 753 nuove amministrazioni locali e di sette nuove province. In occasione delle elezioni del 2017 sono stati nominati migliaia di nuovi eletti, rappresentati da donne e uomini nepalesi di vari ceti sociali e condizioni economiche. Tuttavia, la creazione di una cultura politica orientata alle esigenze della popolazione rimane una sfida, così come il funzionamento del nuovo sistema federale.

Contributi della Svizzera per lo sviluppo e la cooperazione

Costruzione di uno Stato federale

Garantire uno sviluppo socioeconomico equo tra donne e uomini

Tramite la DSC, la Svizzera sostiene, a livello municipale, la creazione di spazi di consultazione e partecipazione destinati ai cittadini per la pianificazione delle risorse e la gestione dei conflitti identitari. Si adopera anche a favore del rafforzamento delle competenze dei dipendenti dell’amministrazione pubblica e degli eletti per garantire la qualità dei servizi alla popolazione e promuove la partecipazione delle donne, dei gruppi discriminati e dei lavoratori migranti perché possano esercitare i loro diritti e responsabilità e influenzare a loro vantaggio il funzionamento, le politiche e le decisioni dello Stato.

La DSC si impegna inoltre per consolidare il dialogo tra le autorità e la popolazione e migliorare la gestione delle finanze pubbliche. La Svizzera, ad esempio, ha svolto un ruolo chiave nella stesura della nuova Costituzione mettendo la propria esperienza a disposizione degli esperti.

Impegno nei contesti fragili e prevenzione dei conflitti

Riforme economiche e dello Stato

Creazione di posti di lavoro e di redditi

Sostenere la formazione professionale, il miglioramento della produzione agricola e lo sviluppo delle infrastrutture

La DSC sostiene le donne e gli uomini, in particolare quelli appartenenti a gruppi svantaggiati, nello sviluppo delle competenze professionali che permettono loro di trovare un lavoro e aumentare il loro reddito. Inoltre incoraggia la popolazione nepalese a partecipare alla definizione delle politiche nei settori dell’agricoltura, della formazione professionale e della costruzione delle infrastrutture.

Tra le altre priorità della DSC figurano il miglioramento della qualità della produzione mediante servizi e consulenza ai produttori e l’agevolazione dell’accesso ai mercati rurali e urbani. La DSC incoraggia lo sviluppo di competenze professionali attraverso il modello di apprendistato, soprattutto tra i giovani.

Con il suo appoggio, si realizzano infrastrutture di trasporto e sistemi di irrigazione efficaci che consentono di rafforzare la sicurezza alimentare per più di un milione di nepalesi, il 60% dei quali appartiene a gruppi svantaggiati e il 42 % è costituito da donne.

Sviluppo del settore privato e servizi finanziari / occupazione giovanile

Metodo di lavoro e partner

Il programma è attuato in collaborazione con partner nepalesi, svizzeri e internazionali, in special modo con organizzazioni governative a livello nazionale, provinciale e locale, organizzazioni dell’ONU e istituti finanziari internazionali, organizzazioni della società civile e organismi del settore privato. Per quanto riguarda l’elaborazione di politiche e la realizzazione di un dialogo, la Svizzera promuove la formazione di alleanze e l’adozione di posizioni concordate tra i donatori. Il Centro internazionale per lo sviluppo integrato delle montagne (International Centre for Integrated Mountain Development, ICIMOD) è un partner importante della DSC.

Progetti attuali

Oggetto 25 – 28 di 28

Nepal Vocational Qualifications System (NVQS)

01.02.2014 - 15.07.2020

In Nepal, 500’000 youths enter the labour market yearly but remain un- or underemployed. The project will support the Ministry of Education to establish a National Vocational Qualifications Framework and a corresponding NVQ Authority to manage it. Learners and workers, especially from disadvantaged groups, will benefit from an improved vocational training qualification and skills certification system, thus increasing their chances for sustainable and decent employment.


Small Irrigation Prorgamme (SIP)

01.02.2014 - 31.12.2019

Incidence of poverty in irrigated areas of Nepal is half that in rain-fed areas and access to irrigation water contributes thus to mitigate poverty. Since the marginal lands are better accessible through small irrigation schemes, reducing poverty of smallholder farmers through small irrigation systems[1] are more effective than medium-sized or large systems. SIP will not only help increase their agricultural productivity but will also enhance the capacity of national and local government so that they can respond to these needs.

[1] Small-scale irrigation, defined by the GoN's irrigation policy as command areas smaller than 25 ha in the hills and mountains and 200 ha in Terai.

 


Nepal Agricultural Markets Development Programme (NAMDP)

01.01.2014 - 31.12.2019

Semi-commercial small farmers, mostly cultivating less than 1 ha and often from disadvantaged groups, face significant hurdles to participate in agricultural product and input markets, thus failing to tap existing potentials to increase their production, farm income and well-being. Complementary to other Swiss projects, NAMDP will focus on market system development to foster market-led and inclusive growth of commercial agriculture, working with the production and marketing actors.


Oggetto 25 – 28 di 28