Novità

Ordina i risultati per
Seleziona il periodo

Tutte (12)

Oggetto 1 – 12 di 12

  • 1

Un miliardo ben investito

05.06.2018 — Articolo EB
I dieci Paesi che hanno aderito all’Unione europea nel 2004 hanno concluso i progetti svolti nel quadro del contributo all’allargamento. La SECO e la DSC tracciano un bilancio e pubblicano i risultati nel rapporto annuale 2017. I progetti hanno notevolmente contribuito alla riduzione delle disparità sociali ed economiche in Europa. La Svizzera ha potuto apportare le proprie conoscenze specifiche in numerosi progetti.


Procedura di consultazione su un secondo contributo svizzero

28.03.2018 — Articolo EB
In occasione della sua seduta del 28 marzo 2018 il Consiglio federale ha deciso di avviare la procedura di consultazione su un secondo contributo della Svizzera ad alcuni Stati dell’Unione europea, volto a ridurre, anche in futuro, le disparità economiche e sociali nell’UE. Le priorità tematiche di questo contributo, formazione professionale e migrazione, erano già state fissate dal Consiglio federale lo scorso anno


Il DFAE ribadisce il proprio impegno per un mondo senza pena di morte

10.10.2017 — Comunicato stampa Slovenia

La Svizzera vuole continuare ad avere un ruolo guida nel movimento globale per l’abolizione della pena capitale. In occasione della Giornata mondiale contro la pena di morte il DFAE pubblica il nuovo piano d’azione che definisce l’impegno svizzero sul piano della politica estera nel periodo 2017-2019 per un’abolizione di questa pena in tutto il mondo.


Contributo all’allargamento: bilancio positivo dopo 10 anni

19.06.2017 — Comunicato stampa EB
Il 14 giugno 2017 è scaduto il termine di attuazione di dieci anni del contributo svizzero all’allargamento ai dieci Paesi dell’Europa centrale e dell’Est entrati a far parte dell’UE nel 2004. La Svizzera ha realizzato complessivamente 210 progetti con il fondo di un miliardo di franchi approvato dal Parlamento, fornendo così un contributo solidale alla riduzione delle disparità economiche e sociali nell’UE.



La Svizzera sostiene Slovenia e Croazia nel gestire la crisi dei profughi

17.11.2015 — Comunicato stampa Slovenia

Cinque esperti del CSA sono intervenuti in Slovenia e Croazia per aiutare le organizzazioni locali a gestire la crisi dei profughi. Metteranno a disposizione le proprie competenze, contribuiranno a rendere le infrastrutture esistenti resistenti all’inverno e acquisteranno materiale sui mercati locali. Un carico di aiuti proveniente dalla Svizzera è già giunto a destinazione in Slovenia. L’assistenza prestata dalla Svizzera ai profughi e agli sfollati interni vittime della guerra in Siria e Iraq si concentra tuttavia principalmente nella regione teatro dei conflitti.


La Svizzera sostiene Slovenia e Croazia nel gestire la crisi dei profughi

16.11.2015 — Comunicato stampa EDA
Cinque esperti del CSA sono intervenuti in Slovenia e Croazia per aiutare le organizzazioni locali a gestire la crisi dei profughi. Metteranno a disposizione le proprie competenze, contribuiranno a rendere le infrastrutture esistenti resistenti all’inverno e acquisteranno materiale sui mercati locali. Un carico di aiuti proveniente dalla Svizzera è già giunto a destinazione in Slovenia. L’assistenza prestata dalla Svizzera ai profughi e agli sfollati interni vittime della guerra in Siria e Iraq si concentra tuttavia principalmente nella regione teatro dei conflitti.


CONCERTO DI BENEFICIENZA

08.10.2015 — Comunicato stampa Slovenia

24 ottobre 2015 alle 18h30 – Auditorium Conciliazione, via della Conciliazione 4, Roma

L’Ambasciata di Svizzera a Lubiana è competente per la Slovenia e per la Santa Sede. Propone un’evento eccezionale a Roma: concerto gratuito della Landwehr di Friburgo (80 musicisti).

Prenotazione biglietti: http://www.landwehr.ch/


Il Consiglio federale apre la procedura di consultazione sul proseguimento della legge federale sulla cooperazione con gli Stati dell’Europa dell’Est

17.12.2014 — Comunicato stampa EDA
Il Consiglio federale ha aperto la procedura di consultazione sul proseguimento della legge federale sulla cooperazione con gli Stati dell’Europa dell’Est. La legge attuale è valida ancora fino alla fine di maggio 2017. Un prolungamento tempestivo dovrebbe permettere di proseguire senza interruzioni la cooperazione con gli Stati dell'Europa dell'Est e dell'ex Unione sovietica. La procedura di consultazione dura fino al 31 marzo 2015.


Nomine di nuovi ambasciatori deliberate dal Consiglio federale

13.11.2013 — Comunicato stampa EDA
Su proposta del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), il Consiglio federale ha convalidato lo schema previsto per i trasferimenti di personale nel 2014. Gli avvicendamenti annunciati si iscrivono nei ritmi consueti di trasferimento. D’ora in poi la comunicazione di questi cambiamenti sarà data al momento della nomina da parte del Consiglio federale. Le nomine dei capimissione all’estero diverranno però effettive soltanto con il gradimento da parte delle autorità dello Stato ospite. Il Consiglio federale presenta agli ambasciatori che passeranno a meritato riposo i propri ringraziamenti per i servizi resi.



Il contributo svizzero all

31.05.2013 — Comunicato stampa EDA
Sono attualmente oltre 200 i progetti in corso nel quadro del contributo all'allargamento. Alla Conferenza annuale della cooperazione svizzera con l'Europa dell'Est, tenutasi il 31 maggio 2013 nell'Hotel National a Berna, ha partecipato un numero straordinario di partecipanti - oltre 750 tra rappresentanti del governo ed esperti svizzeri e stranieri-, che hanno discusso dell'importanza e dell'impatto di questi progetti.

Oggetto 1 – 12 di 12

  • 1

Comunicato stampa (10)

Notizia (2)